Cancale. Le spettacolari maree e gli allevamenti di ostriche.

Cancale, rinomata per la produzione di ostriche, si trova in Bretagna, nel dipartimento di Ille-et-Vilaine.  La sua vicinanza a  Mont-Saint-Michel   e alla baia di  Saint Malò la favorisce non poco, e la rende un posto molto speciale, tappa obbligata per chi ama il turismo lento e i prodotti autoctoni. 

Dove dormire

E’ un piccolo paese incastonato in una baia, pieno di alberghi e ristoranti lungo la via principale. Ce n’è per tutti i gusti e per tutte le tasche.  Noi siamo arrivati in questo borgo di pescatori la sera tardi, durante un on the road sulle coste francesi,  e presi dalla stanchezza ci siamo  lasciati guidare dall’istinto. Non c’era ancora tripadvisor a dare suggerimenti, quindi sono scesa a chiedere una camera ad un piccolo albergo che mi ha colpito subito durante la passeggiata,  Le Querriene Hotel.  Mi è piaciuto subito il suo stile marinaresco, i velieri in bella mostra ovunque e, nella camera che mi hanno fatto visionare, mi ha colpito molto la testiera del letto, ricavata da un vecchio remo. Le stanze non sono molto ampie ma l’atmosfera è sicuramente quella giusta per il nostro soggiorno a Cancale. Quindi prenotiamo per due giorni.  Due giorni per degustare ostriche e per bere ottimo sidro, una bevanda alcolica ottenuta dalla fermentazione delle mele. 

La passeggiata di Cancale

La cittadina di Cancale non offre granchè, non ci sono molte cose da fare, se non degustare ostriche, e la passeggiata è davvero piccola. La strada da un lato è costeggiata da piccoli locali, molto intimi, tutti in stile bretone.  Mentre dal lato opposto c’è una vista meravigliosa sull’oceano. La mattina, quando la marea si ritira, è piacevole ammirare gli scafi delle barche poggiati sull’arenile, in attesa di poter tornare presto a galleggiare. Stanno li, pazienti, inclinati, forse speranzosi di essere fotografati.Cancale, Bretagna, viaggio on the road in francia, trevaligie

Al tramonto  si comincia a sentire il boato dell’oceano che ritorna impetuoso, voglioso di riappropriarsi della sua costa, della sua banchina, di tornare a coprire gli allevamenti, di togliere ossigeno alle ostriche, di far tornare le barche a galleggiare. Riempie ogni spazio che gli è concesso, sembra quasi coprire anche il sole, concedendo ora alla luna di specchiarsi sulle sue acque calme, rilassate.

Ostriche come street food

Inutile dire che il gusto delle ostriche  qui è superlativo.  Al mercato delle ostriche , il Marchè au huitres, ogni giorno potete trovare bancarelle allestite dagli allevatori e potete degustarle appena raccolte ad un prezzo più che accessibile. Ovviamente le ostriche  vengono servite come uno street food, nel piatto di plastica o su un tovagliolo di carta, alcuni addirittura te le danno in mano appena aperte, e subito si rimane inebriati dall’odore dell’oceano, forte e persistente.

Il fenomeno  delle maree vale tutto il viaggio fin qui. Ci troviamo di fronte alle maree più intense e spettacolari di tutta l’Europa. L’acqua che giornalmente si ritira per centinaia di metri, lasciando affiorare i parc a huitres, i parchi ostreari degli allevamenti, e ritorna prepotente la sera, col suo inconfondibile scroscio, è davvero uno spettacolo impagabile.

Gli allevamenti delle ostriche a Cancale 

Al di là del centro storico, piccolo e suggestivo, la parte più caratteristica rimane senza ombra di dubbio  quella del porto e degli allevamenti delle ostriche.  Cancale costituisce infatti la capitale mondiale delle Huitres. I fondali della costa sono completamente dedicati agli allevamenti, che sono ben visibili durante il giorno, quando le maree si ritirano lasciano affiorare una distesa immensa di Parc au Huitres.Cancale, bretagna, viaggio on the road in francia, tr

 Le ostriche di Cancale sono decisamente le migliori in circolazione. Cosa le rende migliori rispetto alle altre ostriche allevate?  Il primo elemento a loro favore sono le spettacolari maree che in questa baia arrivano fino a 15 metri di dislivello, permettendo una perfetta ossigenazione dei molluschi. Il secondo deriva dalle correnti atlantiche, portatrici di plancton, di cui si nutrono le ostriche. Quest’ultime, partendo dallo stato di larve, impiegano tre anni a raggiungere le dimensioni adatte alla commercializzazione. Dopo essere state raccolte, subiscono una classificazione in base alle loro dimensioni. Si trovano infatti  5 categorie per le ostriche di allevamento, e ben 11 categorie per le ostriche piatte, quelle raccolte dragando i fondali.

Cancale, bretagna, viaggio on the road in francia, trevaligie

Dove mangiare

Abbiamo girato diversi locali, sia a pranzo che a cena. Le Cancalais è uno dei miei preferiti. Non lasciatevi demoralizzare dall’arredamento un po’ retrò, i piatti di mare sono fantastici, e vi consiglio di assaggiare la zuppa di pesce, che troverete nell’entrèè (antipasti). E’ completamente diversa da quella che siamo abituati a mangiare in Italia. Il pesce è frullato, quasi a diventare una crema. Non fatevi mancare nemmeno la specialità di queste coste: le moules. Le buonissime cozze oceaniche cucinate in divine salse. Tra le mie preferite le moules  a la marinier e le moules a la crema fraiche, sempre accompagnate dalle frites, una porzione molto abbondante di patatine fritte.

Il tutto deve essere necessariamente accompagnato da un bicchiere sidro ghiacciato, che è  la più famosa bevanda della regione.

Se vi è piaciuto l’articolo vi invito a seguire anche la pagina Facebook di Trevaligie.com e il profilo Instagram per restare aggiornati su tutti i miei prossimi articoli e sui nostri viaggi on the road! 

Ronda: viaggio on the road con i bambini nella penisola iberica

Ho fatto la corte a Ronda per  diversi anni. Sentivo che dovevo assolutamente  vedere di persona l’imponente gola de El Tajo, e le due città, la vecchia e la nuova Ronda,  unite dall’imponente  Ponte Nuevo, che avevo tante volte visto in fotografia. 

L’ho quindi inserita nell’itinerario del nostro viaggio on the road nella penisola iberica, anche se già sapevo che non sarebbe stato facile riuscire a fermarci li. Invece, una volta arrivati a Marbella,  ci siamo resi conto che in un oretta saremmo arrivati senza grossi scossoni a Ronda, e avremmo potuto fare una visita di almeno un giorno immersi  nella sua storia e nelle sue strade millenarie.

Vedere Ronda in un giorno, viaggio on the road, andalusia, trevaligie

Visitare l’Andalusia senza passare da Ronda è impensabile. Ronda è una città aspra ma accogliente e  la sua posizione la rende un luogo speciale, quasi magico. Si trova in provincia di Malaga, in una zona montuosa della  Sierra de las Nieves. La strada che porta a Ronda da Marbella, la Carretera de Ronda,  è una strada molto panoramica, ma è anche una delle strade più insidiose della Spagna. Vi raccomando ad una guida prudente, date le pareti franose e i continui  strapiombi che incontrerete  durante il tragitto. Inoltre la strada è percorsa anche da camion o tir, che in salita vi faranno rallentare di non poco la corsa, e in discesa possono piombarvi dinanzi a velocità sostenuta. Siate sempre prudenti. Una volta arrivati alla metà sarete senz’altro premiati dalla vista stupenda del Ponte Nuevo, illuminato dai raggi del sole di mezzogiorno. I parcheggi sono nella città nuova, che vi consiglio di lasciare immediatamente per tuffarvi a capofitto nella Ciutad.

Il Ponte Nuevo di Ronda

Ronda, Andalusia, viaggio on the road, viaggio con bambini, Trevaligie

La ciudad è la vera essenza di Ronda, l’antico centro moresco che racchiude tutti i punti di interesse della città. Per accedervi passerete sul punto più suggestivo del paese, ossia il Ponte Nuevo, che unisce le due città divise dalla gola del El Tajo. Il ponte venne completato solo nel 1793, dopo quasi 40 anni di lavori.  Un panorama unico, impressionante ed affascinante al tempo stesso.

Ronda, Andalusia, viaggio on the road, viaggio con bambini, Trevaligie I colori delle rocce della gola  si fondono con le tonalità calde delle colonne che sorreggono il ponte. Lo scroscio dell’acqua sottostante che echeggia nella gola e il vento fresco ci accolgono in questa giornata soleggiata e rendono il  momento idilliaco. Cerco di scattare qualche foto dall’alto ma la profondità  è talmente evidente che vengo presa da un attacco di vertigini. Passiamo il ponte affollato e ci immergiamo  nella Ciudad.

Plaza de Toros 

Percorrendo Calle Espinel arriviamo nell’ariosa e luminosa Plaza del Socorro. La piazza è molto frequentata dagli abitanti di Ronda, visto che qui si concentro negozi e locali come bar e ristoranti.Ronda, Andalusia, viaggio on the road, viaggio con bambini, Trevaligie

Poco distante incontriamo Plaza de Toros, la piazza più famosa dell’Andalusia e della Spagna stessa. Il perché è presto detto. Qui venne fondata la Maestranza, un antichissimo ordine di cavalieri specializzati nella Corrida, e  fù proprio qui che ebbe luogo la prima Corrida della storia.

Ronda, Andalusia, viaggio on the road, viaggio con bambini, TrevaligieAnnualmente a settembre, nella Real Maestranza, l’arena più grande di tutta la Spagna con ben 14 mila posti a sedere, si svolge la Corrida Goyesca, una manifestazione che rievoca le corride storiche. Tutti, dai toreri ai cittadini, indossano i tipici abiti Goyeschi,  portando in scena le usanze della borghesia spagnola del 1700.

Non sono amante delle Corride, dunque non ho visitato il museo taurino, né sono entrata nella Maestranza. Abbiamo proseguito invece verso il Mirador di Ronda.

Ronda, Andalusia, viaggio on the road, viaggio con bambini, Trevaligie

Mirador di Ronda

Entriamo nell’autenticità di questa città andalusa. Siamo letteralmente sull’orlo di un precipizio. Il bellissimo balcone panoramico sospeso nel vuoto è inquietante. Ci attrae e ci respinge al tempo stesso. Per affacciarmi devo prendere coraggio. Ma una volta posati gli occhi sulla vallata circondata dalle montagne selvagge si ferma il respiro.

Ronda, Andalusia, viaggio on the road, viaggio con bambini, TrevaligieLa paura si trasforma in stupore, poi in adorazione. Un panorama eccezionale, unico al mondo. Siamo sospesi nel vuoto, ammaliati da tanta meraviglia e sappiamo che il meglio deve ancora venire.

Mirador de Ponte Nuevo

Superata Plaza Duquesa de Parcent, ci si avvia verso l’uscita dalla Ciudad e ci si può spingere verso la Carretera de los Molinos. Da qui si diramano diversi sentieri che portano a diversi punti di osservazione sul Ponte Nuevo.

Ronda, Andalusia, viaggio on the road, viaggio con bambini, Trevaligie

Con un pò di difficoltà siamo riusciti a trovare, prima a di lasciare la città, il Mirador de Ponte Nuevo, il punto panoramico dove vengono scattate le foto più suggestive di Ronda.  Dalla Ciudad la strada non è molto facile da percorrere, con il passeggino poi sarebbe stato impossibile. Allora abbiamo cercato e trovato dopo qualche giro a vuoto,  la strada per arrivarci in macchina. Non so come, ma alla fine ci siamo riusciti. Anche con la macchina non è semplice, perché sembra più una mulattiera che una strada carrabile, ma facendo molta attenzione è possibile scendere, e scegliere il punto migliore per scattare qualche foto. Io mi sono arrampicata da sola per un sentiero un pò pericoloso, perché sdrucciolevole, ma ho visto che sulla cima vi erano già due giapponesi e ho pensato che avrei potuto farcela anch’io. Infatti una volta arrivata a destinazione, sana e salva, ho chiesto loro di farmi una foto col ponte alle spalle.

La vista da qui è a dir poco spettacolare. Mi sono sentita minuscola. Da questo punto si riesce ad ammirare la magnificenza del Ponte Nuevo, che domina tutta la vallata tenendosi stretto le due cittadine, la vecchia e la nuova.

Gastronomia

Ci sono molte specialità e piatti tipici nella zona di Ronda, ma noi per pranzo abbiamo optato per un panino al volo. Devo dire di aver fatto un ottima scelta. Ci siamo fermati strada facendo alla Casa del Jamon, dove preparano panini davvero superlativi, e in più hanno una graziosa area riservata alla degustazione dei loro prodotti. Invece una volta lasciata Ronda, ci siamo fermati nell’unico locale trovato scendendo da quelle montagne. Una trattoria rustica, come poche avevo mai incontrato.

Ronda, Andalusia, viaggio on the road, viaggio con bambini, trevaligieUn piazzale polveroso dove parcheggiare,  una gestione familiare nel vero senso della parola. Madre cuoca, marito oste, figli adolescenti camerieri. Sembrava di mangiare nel salone di casa loro. Abbiamo assaggiato due specialità della casa, consigliateci dal gentile proprietario. Un entrèè di Jamon iberico, uno cosciotto di agnello egregiamente  cotto al forno, e attenzione…una coda di toro! E non potete capire che bontà fosse!

ronda, andalucía, viaggio on the road, viaggio con bambini, trevaligie
Se siete in zona e avete più giorni a disposizione da dedicare alle degustazioni, provate la zuppa di mandorle e carciofi, la famosa salsiccia Rondeña, il formaggio di capra, e la caldereta de chivo, uno spezzatino aromatizzato alla paprika fatto con carne di capra.

Informazioni utili

Se visitate Ronda in alta stagione, portate con voi abbondante acqua, occhiali da sole e cappello. Il sole scotta. Non dimenticate una giacca a vento, perché nel pomeriggio arrivano raffiche anche abbastanza forti, vista l’altitudine. Portate sempre un cambio per i bambini, e fateli bere spesso. Molte zone, come i sentieri che portano ai Mirador, non sono adatti ai passeggini.

 

Se vi è piaciuto l’articolo vi invito a seguire anche la pagina Facebook di Trevaligie.com e il profilo Instagram per restare aggiornati su tutti i miei prossimi articoli e sui nostri viaggi on the road! 

Dove mangiare a Disneyland Paris: Chez Remy, il ristorante di Ratatouille!

Che ne dite di diventare piccoli piccoli per qualche ora??

A Disneyland Paris c’è un ristorante fantastico, ispirato al film Disney Ratatouille, dove mangiare a misura di topolino!

Siete pronti a fare questa magica avventura insieme a me?

Da Chez Remy

Vi racconto la nostra esperienza da Chez Remy, il ristorante più chic del Parco Walt Disney’s Studios.

Abbiamo prenotato da Chez Remy per la cena di Capodanno. Il ristorante si trova proprio accanto alla fantastica attrazione Ratatouille, inaugurata nel 2014.

Mangiare a Disneyland Paris, eurodisney, chez rely, ratatouille, trevaligie

Ratatouille è una fantastica attrazione in 4D, dove con strabilianti effetti ottici si diventa piccoli come il topolino Remy, e bisogna sfuggire alla grinfie dello chef Skinner, cercando vie di fuga nell’enorme cucina del ristorante parigino.

Mangiare a Disneyland Paris, eurodisney, chez rely, ratatouille, trevaligie

Il ristorante Chez Remy è perfettamente in tema con l’attrazione. Tutto  l’arredamento è di dimensioni gigantesche. I piatti e le stoviglie enormi, i libri di cucina e le scatolette di alici grandissime, fanno in modo di farti vedere il mondo dalla prospettiva di un piccolo topolino.

Mangiare a Disneyland Paris, eurodisney, chez rely, ratatouille, trevaligie

L’atmosfera è davvero suggestiva. Ogni cosa è curata nei minimi particolari, e stare seduti sembra quasi impossibile. Tra una portata e l’altra abbiamo approfittato per fare foto in ogni angolo di questo magico ristorante.

Mangiare a Disneyland Paris, eurodisney, chez rely, ratatouille, trevaligie

Come funziona per i Pasti ?

  • Bisogna prenotare in netto anticipo la formula per i Pasti che più si adatta alle vostre esigenze: mezza pensione o pensione completa, buffet o servizio al tavolo.
  • Al momento della registrazione in hotel riceverete i Magic Pass, delle schede su cui sono caricati i buoni pasto, che valgono anche come biglietto per i parchi. Tenetele sempre a portata di mano e cercate di non smarrirle.
  • Potrete utilizzare i Magic Pass in più di 20 ristoranti, in base alla formula scelta, sia all’interno degli alberghi che nel parco. 

    Vi consiglio vivamente di prenotare un tavolo almeno due mesi prima del vostro arrivo. Potete contattare il servizio Prenotazioni Ristoranti al numero +33 (0)1 60 30 40 50 (al costo di una chiamata internazionale). Si può anche prenotare direttamente alla reception del vostro hotel, ma ovviamente poi dovrete accontentarvi dei ristoranti che hanno ancora delle disponibilità durante il vostro soggiorno. I migliori vanno via subito.

Mangiare a Disneyland Paris, eurodisney, chez rely, ratatouille, trevaligie

I particolari ci hanno lasciati a bocca aperta. Le sedioline fatte con le capsule dei tappi dello spumante sono una vera chicca, e i tavolini del bistrot costruiti con i tappi delle confetture e illuminati da ombrellini da cocktails non sono da meno.

Mangiare a Disneyland Paris, eurodisney, chez rely, ratatouille, trevaligie

Menù

Il menù ovviamente è ispirato al film Disney, e troverete diverse varianti della Ratatouille! Ma da Chez Remy potete gustare molte altre specialità francesi. Dalla deliziosa tagliata di manzo al gratin di patate con morbido formaggio Brie, per finire con la golosa Tarte Tatin tiepida arricchita da ciuffi di panna montata.

Se come me avete intolleranze alimentari ( pensate io sono allergica alle melanzane!) fatelo presente al momento della prenotazione.

Mangiare a Disneyland Paris, eurodisney, chez rely, ratatouille, trevaligie

 

Offerta per i Followers di Trevaligie.com

 Per il mese di Febbraio e Marzo, i miei followers potranno avere lo sconto sulla prenotazione del Biglietto del parco e sulla prenotazione in uno degli Hotel Disney!

 

Inoltre potrete avere, sempre con il codice sconto di trevaligie.comprezzi scontatissimi per i pacchetti VisitParis

Per usufruire degli sconti mandatemi una mail su Trevaligie@libero.it, vi darò il codice da inserire per la prenotazione

 

Se vi è piaciuto l’articolo vi invito a seguire anche la pagina Facebook di Trevaligie.com e il profilo Instagram per restare aggiornati su tutti i miei prossimi articoli e sui nostri viaggi on the road! 

Marbella: viaggio on the road con i bambini nella penisola iberica

Marbella è stata l’ultima tappa del nostro road trip attraverso la penisola iberica. Abbiamo utilizzato la città come tappa intermedia, dopo aver fatto un giro in Algarve, per tornare a Barcellona a prendere la nave Grimaldi che ci avrebbe traghettati di nuovo in Italia. 

Marbella è una città dell’Andalusia. Si trova a circa metà strada tra Malaga e lo stretto di Gibilterra, ed è uno  dei centri abitati più popolati dell’intera zona. 

Appena arrivati sul lungomare di Marbella, ho avuto una sensazione di trascuratezza. La sabbia scura poi, oppure l’orario di transizione,  enfatizzava quella mia percezione.

Marbella, viaggio con i bambini, viaggio on the road, trevaligie

Tant’ è che, percorsi pochi centinaia di metri, ci siamo decisi a risalire verso il centro.

La movida di Marbella 

Beh. Che Marbella era la città della movida andalusa si sapeva, ne abbiamo avuto la conferma quella sera stessa. Gli orari sono un pò diversi rispetto ai nostri, quindi le strade e i locali, anche per via del caldo afoso e soffocante, cominciano a riempirsi di gente solo dopo il tramonto. Cominciano a convergere nei vicoli caratteristici del centro storico migliaia di persone di tutte le età, pronte per una serata fatta di sangria, tapas e flamenco.

Marbella, viaggio con i bambini, viaggio on the road, trevaligie

I locali hanno tutti tavoli all’esterno, e  rimane ben poco spazio per la viabilità nelle piazzette principali. Ma che importa, se tutto intorno è  un alzarsi di risate, di musica gitana e di profumo di spezie! Potete percorrere i calienti vicoletti di Marbella  avanti e indietro fino allo sfinimento, e non troverete mai le stesse persone, la stessa musica e gli stessi odori di quando siete passati in precendenza.

Marbella, viaggio con i bambini, viaggio on the road, trevaligie

Le temperature sono alte, nonostante sia la fine di ottobre, ed è piacevole sedersi su uno sgabello sorseggiando un bicchiere di vino tinto lasciandosi incantare dal vociare delle comitive sparse nei locali, dal suono delle nacchere e dall’odore dei churros appena fritti. 

Marbella, viaggio con i bambini, viaggio on the road, trevaligie

Dove mangiare

Per cena troviamo un bellissimo localino su una delle strade secondarie, El patio de Mariscal. L’ambiente all’interno è davvero molto accogliente, in stile moresco, ma scegliamo uno dei tavoli all’aperto, per goderci la bellissima serata. Mangiamo un ottima paella de mariscos accompagnata da una cerveza ghiacciata, osservando il via vai del vicoletto. La vera chicca? La cuoca, che appare ogni tanto nel locale intonando bellissime canzoni! 

Marbella, viaggio con i bambini, viaggio on the road, trevaligie

Cosa assaggiare

Se passeggiando vi vengono i crampi allo stomaco per la fame, sappiate che non è necessario sedervi ad un tavolo per trovare cibo sapientemente preparato. Ci sono diversi locali che servono street food. Dovete assolutamente assaggiare le tapas, il chorizo, che è un salame tipico della zona, e il jamon iberico. Tutto tagliato al momento e servito in pratici coppetti. Non mancano stuzzichini con cui accompagnare cocktail e birre gelate, come anacardi, nocciole e pistacchi. 

 

Il lungomare e la spiaggia

Il giorno dopo diamo una seconda opportunità al lungomare. E devo dire che è stata davvero una piacevole scoperta. Per fortuna la sensazione della sera precedente era sbagliata.

Marbella, viaggi on the road con bambini, trevaligieIl lungomare è vivace, brulica di persone. I negozietti e i locali danno una nota di colore vivo e allegro al contesto, mentre la spiaggia, anche se la sabbia è scura, è grandissima e attrezzatissima per i bambini. Sulla sabbia ci sono svariati playgrounds, uno ogni duecento metri, tutti diversi tra loro, uno più grande dell’altro.Marbella, viaggi on the road con bambini, trevaligie

Anche sul lungomare stesso troviamo una zona baby friendly, dove i pupi di ogni nazionalità scorrazzano con monopattini o fanno a gara sugli scivoli. Per i genitori tantissimi sono i bar che servono aperitivi a ritmo di musica. Ogni locale ha una band che suona live e coinvolge tutti i clienti in scatenati balli. Si alza musica da ogniddove, e la passeggiata cambia ritmo in base al locale che ti trovi a costeggiare. Latino, dance, anni 80 e tanta tanta musica italiana. 

Marbella, viaggio on the road con bambini, spagna, trevaligie

Dove dormire

Abbiamo deciso di dormire fuori Marbella in verità, a Puerto Banus, che è un lussuoso paesino a circa sette km circa dal centro città. Puerto Banus ha un grazioso centro storico, un bel lungomare costeggiato da splendidi yacht, e molti negozi di charme. Anche qui c’è una vivace movida notturna, e una grande quantità di bar, casinò e ristoranti, nonché bellissimi centri commerciali. 

Abbiamo soggiornato al Melia Marbella Banus, un albergo in perfetto stile mediterraneo, con grandi piscine esterne, una vasca interna  e camere davvero molto confortevoli. La struttura comprende un paio di ristoranti, di cui uno a buffet, e devo dire che il cibo è preparato davvero in maniera eccelsa.  Tutte le zone sono accessibili ai bambini, tranne una,  riservata solamente agli adulti che desiderano stare nel più completo relax. Inoltre la posizione del Melia Marbella Banus permette in pochi minuti di raggiungere il centro di Puerto Banus a piedi. 

Marbella, viaggio on the road con bambini, spagna, trevaligie

 

Se vi è piaciuto l’articolo vi invito a seguire anche la pagina Facebook di Trevaligie.com e il profilo Instagram per restare aggiornati su tutti i miei prossimi articoli e sui nostri viaggi on the road! 

 

 

 

Algarve on the road con i bambini: Cabo de Sao Vicente

La terza tappa del nostro viaggio on the road nella penisola iberica è stata la regione dell’Algarve. Abbiamo percorso 300 km di costa selvaggia e incontaminata, tra spiagge incantevoli e pittoresche falesie.

Sagres

Il nostro giro in Algarve si è concluso a Sagres, che si trova sull’estrema punta occidentale della regione. Una terra arida e quasi desertica, quella di Sagres, continuamente battuta dai forti venti oceanici che increspano il mare e levigano le pareti rocciose.

Sagres, cabo de sao vicente, algarve on the road con bambini, trevaligie

Sul promontorio di Sagres svetta il Faro di Sao Vicente, uno dei fari più potenti del Portogallo. Posto all’estremità occidentale d’Europa, per millenni fu considerato come la “fine del mondo”, il punto in cui l’emisfero terrestre terminava. Oggi vanta un piccolo comprensorio in cui, oltre a un bar molto glamour e alle tipiche bancarelle di souvenir, è possibile affacciarsi dal belvedere e godersi l’odore della salsedine che sale dalle scogliere sottostanti, sempre battute da onde pazzesche.

Il faro di Sao Vicente ospita inoltre il piccolo Museo dos Faròis, dove è possibile immergersi nei segreti della cittadina di Sagres, permettendovi di capire il ruolo strategico che ha avuto la città nel corso degli anni. Il Museo dos Farois è aperto solo il mercoledì pomeriggio.

Sagres, cabo de sao vicente, algarve on the road con bambini, trevaligie

Il faro di Sao Vicente è alto 24 metri e venne costruito sul sito di un ex convento francescano. Ancora oggi vigila su uno degli approdi navali più importanti di tutto il mondo.

L’interno del faro

Abbiamo scoperto solo in loco che era possibile visitarne gli interni, mettendosi in fila ad aspettare il proprio turno proprio fuori la porta del guardiano del faro. Non ci sono ne indicazioni, ne orari. Cercate con lo sguardo una piccola porta rossa. Si può intuire che è l’entrata del faro dal crocchietto di gente seduta ad aspettare sui muretti.

La visita dura una mezz’ora. Il guardiano vi guiderà attraverso la sua postazione di guardia, fino a condurvi in cima alla lente del faro. Durante la non facile salita, viste le scalinate a chiocciola strette e consumate dal tempo, rimarrete senz’altro incuriositi dal funzionamento degli ingranaggi, continuamente in movimento.

La lente del faro

Una scala di ferro porta alla gabbia della lanterna, una sala dalle enormi pareti di vetro. Al centro di questo ambiente c’è la piattaforma rotante con la gigantesca lente del faro.

Sembra quasi di essere sulla plancia di una nave. Guardando verso il promontorio che scende a Sagres, si riesce ad avere la percezione immediata di come cambi velocemente il tempo. La vista sulle falesie è pazzesca.

Sagres, cabo de sao vicente, algarve on the road con bambini, trevaligie

La lente è enorme, e gira a meno di 5 cm da voi. Bisogna fare molta attenzione, soprattutto ai bambini. La sensazione è di claustrofobia e di meraviglia insieme. Lo spazio è davvero ridotto, ma girando la lente emana meravigliosi luccichii che ipnotizzano tutti noi. Nel frattempo il guardiano continua la sua narrazione sulla storia e sul funzionamento del faro. Parla solo portoghese e inglese.

Il momento più suggestivo per visitare Cabo de Sao Vicente è sicuramente il tramonto, quando, in un’atmosfera quasi surreale, si possono ammirare i bellissimi colori del sole che scompare nell’oceano, oltre le falesie.

Perché ci è piaciuto

Su questo promontorio aspro e sperduto, dalla lente di un faro, abbiamo imparato a captare l’arrivo di una tempesta, ad ascoltare il vento, a convivere con gli uccelli, a provare il piacere per le piccole cose. Siamo entrati in contatto con tutti gli elementi naturali. Abbiamo vissuto il mare, respirato la salsedine, ci siamo fatti accarezzare da un tiepido vento e poi spostare dallo stesso vento che è diventato impetuoso all’improvviso. Una vacanza che diventa anche esperienze di vita è una vacanza che  i bambini porteranno con sé per sempre.

Gli indispensabili per i bimbi

Cappellino con visiera in estate, il sole è molto forte.

Sciarpa e golfino anche in estate, per via del forte vento.

Borraccia e merenda. I costi del bar che si trova sotto al faro sono molto alti.

Scarpe comode.

Prezzi

L’entrata è completamente gratuita. Per visitare il Museo dos Farois si paga una cifra irrisoria di 1,50€

Come arrivare

Il modo più rapido e comodo per raggiungere Cabo de Sao Vicente è sicuramente l’auto. Se non avete un mezzo a disposizione, vi consiglio di noleggiarlo. Vi è anche un autobus della compagnia Eva, che collega la località sia con Sagres che con Lagos. Il servizio è attivo soltanto dal lunedì al venerdì, ma dovete informarvi molto bene sugli orari.

Dove mangiare

Come già detto Sagres è una città molto selvaggia. Non troverete localini chic, ma molte trattorie tipiche, per lo più frequentate dai surfisti. Noi abbiamo trovato un piccolo locale in periferia, molto spartano, con tavolacci in legno e pesce fresco sui banconi, da scegliere a peso. L’Adega dos Arcos è stata una piacevole scoperta. Tutto viene cucinato solo ed esclusivamente sulla griglia. Rapporto qualità/ prezzo davvero ottimo.

Sagres, viaggio on the road con i bambini in Algarve, trevaligie

Volete scoprire le altre tappe del nostro viaggio on the road in Algarve? leggete anche Portogallo on the road con i bambini

Dormire a Disneyland: il Disneyland Hotel

Non è facile spiegare con le parole l’emozione che si prova varcando l’elegante soglia del Disney Hotel. Lo sguardo si perde, stupito, sulle balconate in stile vittoriano, sull’enorme camino di marmo situato nella hall, sulla regale scalinata che tutti abbiamo sempre visto soltanto in pubblicità, o su una cartolina. Tutto poi sembra divenire ancora più magico se si sceglie di passare in quest’Hotel il periodo natalizio. Gli addobbi sfarzosi e delicati, l’enorme e fiabesco albero di Natale che svetta imponete al centro della sala, la casetta di pan di zenzero creata appositamente per le festività, che emana um profumo delizioso e riempie l’aria di una musica allegra in perfetto stile disneyliano. Tutto così perfetto e armonioso che rimarresti per ore seduto a guardare.

Organizzazione dell’Hotel

Una delle caratteristiche del Disneyland Hotel è che, essendo ubicato proprio all’entrata di Disneyland, consente rapidi e comodi spostamenti dal parco. Inoltre da alcune stanze dell’albergo, all’ultimo piano, è possibile avere una vista spettacolare sulla Main Street , la strada principale del parco. Nella struttura sono presenti, oltre ad un carinissimo baby park, anche una piscina interna, una palestra ed un centro estetico.

Disney hotel, dormire a disneyland, viaggio con bambini, trevaligie

Siamo in un hotel extra lusso, un 5 stelle con una qualità di servizi non indifferente. Se questa qualità è già ampiamente applicata alle camere standard, aumenta a livelli esponenziali nelle 18 Suites presenti. Un esempio? La “Sleeping Beauty Suites”. 187 mq extra lusso, in stile Elisabettiano, con cascate di morbide tende che una volta aperte rivelano la vista più spettacolare che ci sia sul castello. Tutte le camere extra lusso vengono radunate nel Castle Club.

Il Castle Club

Il Caste Club è un area privata riservata a chi soggiorna nelle suites dell’Hotel. E’ situato al terzo piano del blocco centrale e vi si può accedere solo tramite ascensori privati. I servizi di cui dispongono gli ospiti del Castle Club sono ovviamente differenti da chi soggiorna in camera standard. Innanzitutto il check-in è privato, come privato è il lounge bar a disposizione delle suites in cui è possibile incontrare i personaggi disney, in totale riservatezza. Inoltre soggiornando in queste stanze si ha diritto al Vip-Fastpass, che ti permette di saltare la fila alle attrazioni del parco. I costi sono esorbitanti, ma i riguardi e le cortesie che si ricevono sono proprio per veri principi e principesse.

La camera standard

Disney hotel, dormire a disneyland, viaggio con bambini, trevaligie

Altrettanti agi si trovano in una semplice, se semplice vogliamo chiamarla, camera standard. Letti soffici con altrettanto soffici cuscini, degni di una principessa. Non manca nulla per un soggiorno all’insegna del lusso e del buon gusto.

Il mobile del salotto, oltre al televisore, custodisce un ricco frigobar, decisamente poco economico. Inoltre a disposizione degli ospiti sia la macchina per il caffè espresso che la tisaniera. Nel primo cassetto tutto l’occorrente per ritagliarsi momenti magici di relax.

Disney hotel, dormire a disneyland, viaggio con bambini, trevaligie
Troviamo anche una splendida carta da lettere intestata, in stile retrò.

Il bagno è grande, e rispecchia l’eleganza della stanza. Piastrelle finemente decorate con piccoli ippopotami volanti tappezzano la doccia, mentre sui lavandini c’è il bellissimo kit di benvenuto firmato Walt Disney, che comprende profumatissimi sali da bagno. Tutto semplicemente perfetto, per non parlare del grande specchio con le miniature in gesso di Biancaneve e i sette nani sulla cornice!

Anche l’armadio è abbastanza capiente. Al suo interno, oltre all’indispensabile cassaforte, il listino della lavanderia e il kit di pulizia per le scarpe, nonché l’asse e il ferro da stiro. Essenziale quest’ultimo, visto che il ristorante dell’albergo richiede un outfit abbastanza adeguato alle stelle dello stesso, e quindi privo di spiegazzature.

 

E’stato piacevole trovare sul comodino, oltre alle solite brochure con la guide del parco e i servizi dell’hotel, una cartina con il percorso da Jogging. Non abbiamo potuto fare una corsetta solo ed esclusivamente per via delle temperature molto basse, mica per pigrizia!

Disney hotel, dormire a disneyland, viaggio con bambini, trevaligie

All’esterno, il Disneyland Hotel è altrettanto meraviglioso, con uno splendido giardino, il Fantasia Garden, dove è disegnata, con i fiori, la faccia di Topolino.

Tra le cortesie ricevute, oltre al ripasso serale della stanza, uno scatolo elegantissimo contenente dei dolcissimi biscotti al burro, a forma dei personaggi Disney.

Il servizio in camera è attivo 24 h su 24. Il listino prezzi non è molto invitante però. Una pizza margherita costa 30,00 €

Disney hotel, dormire a disneyland, viaggio con bambini, trevaligie

Princess for a day

Disney hotel, dormire a Disneyland, viaggio con bambini, trevaligie.

Tutte le bambine sognano di diventare vere principesse. Bene, al Disney Hotel si può avverare il loro desiderio, per un giorno o anche più. C’è un ala magica, discreta e riservata, dove la vostra bimba potrà diventare Principessa per un giorno. Potrà avvalersi di trucco, acconciatura e servizio fotografico proprio come una diva. Il pacchetto “Princess for a day” costa 60,00 €, e si può prenotare allo shop che si trova nel piano centrale dell’albergo. Se non avete già l’abito da principessa, potete approfittare dell’offerta “abito + princess for a day”, a soli 120,00€. Si ha praticamente uno sconto sull’acquisto del vestito.

Disney hotel, dormire a Disneyland, viaggio con bambini, trevaligie.

Una volta prenotato il vostro appuntamento ( mi raccomando conservate lo scontrino che servirà per il ritiro della foto), non vi resta che recarvi all’ora stabilita alla postazione del “Princess for a day”.

Disney hotel, dormire a Disneyland, viaggio con bambini, trevaligie.

Qui la vostra bimba sarà accolta da personale qualificato e multilingue, e dopo essere stata acconciata “per le feste”, si recherà sul retro dello studio dove in un ambiente molto elegante le verrà fatto un vero e proprio servizio fotografico!

Un emozione indescrivibile per una bambina! Per una volta nella vita si può fare.

Disney hotel, dormire a disneyland, viaggio con bambini, trevaligie

Bar e ristoranti

Al Disney Hotel potete trovare due ristoranti, ubicati nel salone centrale del primo piano: L’invention e il California Grill.

L’Invention prevede il servizio a buffet, e si possono incontrare i personaggi Disney ad ogni pasto. Abbiamo avuto modo di fare diverse foto con Topolino e tutta la sua band.

Invention, disney hotel, colazione con personaggi disney, viaggio con bambini, trevaligie

Il California grill ha un ambiente più sofisticato, e vanta una cantina con ottime etichette di vino. Ideale se si vuole passare una serata tranquilla sorseggiando un buon calice di rosè. Entrambi i ristoranti necessitano di prenotazione, almeno qualche mese prima della vostra visita al parco.

Nel salone centrale potete trovare anche il Fantasia Cafè, dove oltre a sofisticati cocktail potete trovare molti stuzzichini, da consumare piacevolmente accompagnati dal suono del pianoforte.

Il Minnie Club

Non può certo mancare in un Hotel di questo calibro un Mini club per i piccoli ospiti. Il Minnie Club si trova al piano terra, assieme alla SPA e alla piscina coperta, per permettere ai genitori di concedersi un tuffo in totale libertà. Non è grandissimo, ma è molto fine e colorato. Ci sono molti giocattoli, e in orari stabiliti ci sono gli animatori che coccolano i bambini e preparano diversi intrattenimenti, dalla pittura alle collane con le perline.

Celestia SPA e piscina coperta

Nella Celestia Spa è possibile ritagliarsi un momento di relax assieme ai propri bambini. Potete trovare tanti golosi trattamenti anche per i piccoli ospiti, come “la mia prima spa”, “mani o piedi da principessa”. La piscina coperta invece, è aperta fino alle 22:00, e comprende anche una Jacuzzi e una zona sauna.

Prezzi

I prezzi, come tutti gli hotel Disney, variano a seconda della stagione o della festività. Le tariffe migliori, con i vari pacchetti, le potete trovare sul sito francese. Il Disney Hotel è l’unico albergo a 5 stelle del parco, e ovviamente i prezzi sono molto alti. Valutate bene le offerte.

Avete intenzione di programmare un viaggio a Disneyland Paris? Non ci solo Hotel extra lusso. Leggete qui: Dormire a Disneyland: Il Kyriad Hotel