Dove mangiare a Sperolonga, ristorante pattypà, Gaeta, trevaligie
consigli di viaggio

Dove mangiare a Sperlonga. Ristorante Pattypà.

Cercavamo un posticino carino e riservato, non lontano da Gaeta, dove poter mangiare buon cibo e sorseggiare vino ammirando il tramonto. Lontano dal caos della calca estiva, in posizione privilegiata e meravigliosamente panoramica nella suggestiva città di Sperlonga , abbiamo trovato, e provato,  il Ristorante Pattypà.

Arrivare sulla terrazza del ristorante Pattypà e trovarsi dinanzi un tramonto spettacolare sulla baia del Circeo è davvero un piacere per i sensi. Il sole che scalda con gli ultimi, tiepidi raggi, i tetti delle case sottostanti e illumina con sfumature rosate la terrazza del ristorante, riflettendosi nei bicchieri da vino e spandendosi intorno, è uno spettacolo unico.

Dove mangiare a Sperolonga, ristorante pattypà, Gaeta, trevaligie

Ristorante Pattypà. Chef Enzo Manfellotti

Chi mi conosce ormai sa che l’accoglienza è la prima cosa che mi colpisce quando entro in un locale. Qui l’accoglienza è stata davvero amichevole. Sorrisi gentili, personale composto e impeccabile nelle divise, cortesia, gentilezza e bravura dello chef Enzo, che ha una premura particolare verso tutti gli ospiti del suo ristorante.

Enzo Manfellotti, chef del Pattypà, tiene molto alla cura del cliente, ed ha sempre una parola gentile ed un consiglio da regalare. Ha imparato a conoscere i prodotti della terra nell’azienda ortofrutticola della famiglia, con cui ha un legame viscerale, ed ha imparato nel tempo ad apprezzarne  ogni singolo frutto, imparando poi a rispettarne le caratteristiche durante le sue  creazioni culinarie. Ha scelto di puntare sulla materia prima e sulla semplicità delle sue preparazioni. Il legame con la sua famiglia si rispecchia sia nei suoi piatti, che nella  scelta del nome del locale.  Pattypà, infatti, è il nomignolo con cui, Enzo e i suoi quattro fratelli, solevano chiamare la propria madre. Un omaggio alla sue radici più profonde.

 

Ristorante Pattypà a Sperlonga

Tutti i tavoli sulla terrazza hanno una vista meravigliosa sulla Riviera di Ulisse, complice la balaustra in vetro che permette di continuare ad ammirare il paesaggio anche stando comodamente seduti. La grafica del menù è molto allegra, nei colori del mare. Il menù è accattivante. Gli accostamenti degli ingredienti lasciano presagire assaggi particolari.  La carta dei vini è davvero ben fatta. Cantine del territorio si alternano a cantine regionali, da me più e meno conosciute. Mi incuriosisce un rosato, che credo si abbini non solo alle portate scelte, ma anche ai colori del tramonto che stiamo ammirando in completo relax.  Optiamo quindi per un Costa d’Amalfi Rosato di Marisa Cuomo, dal gusto fresco e intenso di ciliegia e melograno. 

Dove mangiare a Sperolonga, ristorante pattypà, Gaeta, trevaligie

Le nostre portate

Ordiniamo quindi due antipasti e due primi piatti, a base di pesce ovviamente. Inoltre un immancabile piatto di pennette al pomodoro per la bimba, apprezzato e terminato con una bella  scarpetta. Noi abbiamo provato il Polpo con patate viola e cipollotto, e la seppia, acqua di pomodoro, pane sapido e gherigli di noci, come antipasti. Le portate sono state precedute da una gustosa entrèè. Una polpetta di alici di una croccantezza unica, servita su una deliziosa cremina  di patate che smorzava il gusto deciso del pesce azzurro.

Dove mangiare a Sperolonga, ristorante pattypà, Gaeta, trevaligie
Polpo con patate viola e cipollotto

I primi piatti da noi scelti non hanno deluso le aspettative. Ormai il sole è tramontato del tutto, lasciando spazio ad un cielo nitido e stellato. Le linguine con mazzancolle e datterino e i tuffoli con cacio, pepe e ricciola finiscono tra una risata e un altro sorso di vino.

Dove mangiare a Sperolonga, ristorante pattypà, Gaeta, trevaligie
Linguine con mazzancolle e datterini

La serata si conclude per mia figlia con un tortino caldo al cioccolato, e con un dessert del giorno per mio marito, una crema di zabaione a cucchiaio. Io, si sa, non sono amante dei dolci, anche per via della mia intolleranza al latte. Ma lo chef si è comunque premurato di prepararmi un dessert al momento, privo di lattosio. Pensiero graditissimo. 

 

Lasciamo Pattypà piacevolmente sorpresi e salutiamo Sperlonga dalla bellissima terrazza panoramica del ristorante, in cui torneremo senz’altro molto presto. 

Pattypà, ristoranti sperlonga, gaeta, trevaligie

Trovate il Ristorante Pattypà in Via Fontana della Camera, al numero 3. Per info e prenotazioni potete chiamare al numero 340 517 0570. 

Se vi è piaciuto l’articolo vi invito a seguire anche la pagina Facebook di Trevaligie.com e il profilo Instagram per restare aggiornati su tutti i miei prossimi articoli e sui nostri viaggi on the road! 

 

Seguimi sui social

16 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *