consigli di viaggio

La Signora del Vento. Il Veliero del Golfo di Gaeta

Un triste risveglio stamane per i cittadini di Gaeta. L’orgoglio della città, la Signora del Vento, il bellissimo veliero che da anni regnava sulle acque del golfo, è stata distrutta da una fortissima mareggiata. Passata la notte in balia delle onde e del vento, stamattina si è arenata, con un albero spezzato e gravi danni a tutto lo scafo. Ormai è più di una settimana che tutta l’Italia si trova in una situazione di forte maltempo, e le allerte meteo non bastano a prevenire i danni. In attesa che la Signora torni presto, e lo speriamo con tutto il cuore, al suo vecchio splendore, ripercorriamo la storia di questa meravigliosa nave, Signora del Vento e del Golfo di Gaeta.

Signora del Vento, paoloditucciphoto, Gaeta, trevaligie
                                                                                                                       Foto di Paolo Di Tucci

 

Dalle origini ad oggi

La Signora del Vento, costruita nel 1962, ha navigato, nei primi decenni dal suo varo, nei grandi mari del nord e nelle limpide acque dei Caraibi. Nei primi anni ’90 invece, il veliero ha cominciato la sua carriera come Nave Scuola, salpando da diversi porti sparsi nel mondo.

Arrivata in Italia, è stata completamente ristrutturata dalla Società Italiana di Navigazione nel vicino 2006. I lavori sono serviti per adeguare il veliero agli standard di sicurezza necessari ad ottenere la bandiera italiana e per poter iscrivere la nave nei Registri Italiani seguendo la normativa vigente.

La Signora del Vento a Gaeta

La maestosa ed elegante nave, spesso noleggiata per eventi di lusso o per crociere esclusive nel Mediterraneo, ha fatto base per diversi anni nel porto di Civitavecchia, ma spesso arrivava nel Golfo per farsi ammirare dal molo di Gaeta Medievale. In alcune occasioni ho avuto modo di salire a bordo, per vedere dal vivo l’equipaggio in azione e le deliziose finiture degli arredi. Gli ottoni, i legni lucidi, i vetri resi opachi dalla salsedine, le enormi vele che aspettavano solo di prendere il vento e tornare a navigare. Tutto sulla Signora del Vento era semplicemente perfetto.


La Signora del Vento, trevaligie

                                                                                                                        La Signora del Vento

La Polena della Signora del Vento

La Polena della Signora del Vento era senza dubbio la prima cosa che catturava l’attenzione dei passanti quando la nave era ormeggiata sul molo di Gaeta Medievale. La stupenda polena, che speriamo di rivedere presto al suo posto, è in realtà una preziosa opera d’arte. È stata realizzata da due famosi artisti, Birgit e Claus Hartmann, ed è frutto di un precisissimo lavoro manuale su un prezioso legno proveniente dal Mare del Nord. La polena rappresenta semplicemente La Signora del Vento, in tutta la sua magnificenza.

Signora del Vento, Gaeta, trevaligie

La Signora del Vento, nave scuola dell’Istituto Nautico G. Caboto


Nel dicembre del 2016 il veliero è stato donato, dalla Società M.AR.TE., all’Istituto di Istruzione Secondaria Superiore “Giovanni Caboto” di Gaeta che, con finanziamenti ottenuti dal MIUR, lo ha leggermente adattato al fine di essere impiegato per attività di addestramento a bordo. Da allora la base definitiva  della Signora del Vento è stata la banchina di Gaeta Medievale..

La Signora del Vento protagonista di Gaeta

Eravamo ormai abituati alla presenza fissa della Signora del Vento, attraccata al molo di Gaeta Medievale. Sfondo di bellissime fotografie, protagonista di diverse serate di gala, meravigliosa cornice del quartiere Medievale, illuminava la passeggiata con le sue luci bianche, controllando tutto il Golfo dall’alto dei suoi imponenti alberi. Speriamo di rivederla presto troneggiare nel mare di Gaeta, nella sua impeccabile eleganza.

Signora del Vento, Gaeta, trevaligie
                                                                                                                                                            Foto presa dal web
Seguimi sui social

6 commenti

  • viaggiapiccoli

    Non lo sapevo, che tristezza. Ma ecco perchè bisogna viaggiare…sempre…anche vicino casa…per riempire la testa e il cuore di ricordi e immagini da custodire e da regalare a chi non ha visto quei luoghi o non li può più vedere , come avete fatto voi con “La signora del vento”.
    Grazie

  • Sara Chandana

    L’ondata di maltempo sta piegando l’Italia in due e senza distinzioni, da Nord a Sud. Gli esseri umani sono più importanti dei beni materiali, ma è sempre un peccato quando si perdono gioielli come questo.

  • Raffi

    Noooo, ma è terribile. Questo novembre sarà davvero ricordato per eventi tremendi. Mi spiace per questo veliero perchè era davvero stupendo. Un gioiello… Speriamo riescano a sistemarlo e a riportarlo in acqua. 🙁

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *