standuppaddleboard, sup, Gaeta, sport acquatici, trevaligie
Sport e attività,  Viaggiare in Italia

Il Paddledoard: come e dove praticare lo sport acquatico del momento.

Oggi vi parlo del mio sport preferito. Il Paddleboard.

Per chi non conoscesse questo sport, si tratta di pagaiare in piedi su una tavola tipo surf. Le dimensioni sono superiori alla classica tavola da onda, può essere fino a due, tre volte più grande. Questo per permettere di restare in piedi senza perdere l’equilibrio.

Standuppaddleboard, sup, sport, gaeta, trevaligie

Come si pratica

Può sembrare difficile all’inizio, ma una volta trovata la giusta empatia con la tavola la pagaiata sarà solo molto divertente. Inoltre è uno sport davvero rilassante, soprattutto se praticato su acque calme, che con i loro colori agiscono positivamente sulla mente e sul corpo. Può sembrare una passeggiata, ma lo sforzo fisico è impegnativo, e lavorano praticamente tutti i muscoli del corpo. Spalle e braccia sono impegnate nella pagaiata, che a sua volta attiva tutti i muscoli addominali, soprattutto laterali. Per rimanere in piedi in costante equilibrio si attivano  tutti i muscoli delle gambe, soprattutto grande gluteo e interno coscia.  Si possono bruciare fino a 700 kcal in un ora se praticato perfettamente,  e in più, stando in piedi sulla tavola, si raggiunge un abbronzatura invidiabile. Si può praticar anche in inverno, usando le mute apposite. I principianti possono anche provare a praticarlo stando sulla tavola in ginocchio.

Per imparare l’ideale è uscire sotto costa quando il mare è piatto. Poi, una volta presa dimestichezza con il remo, si può andare incontro alle onde e alle correnti.

standuppaddleboard, sup, Gaeta, sport acquatici, trevaligie

Praticare questo sport consente di vivere grandi emozioni, perché vi permette di esplorare posti che dalla terraferma sono praticamente inaccessibili, come le grotte marine.

standuppaddleboard, sup, Gaeta, sport acquatici, trevaligi
Nella grotta del Turco di Gaeta in Paddleboard

Inoltre stando a stretto contatto con l’acqua, marina o lacustre, si assorbe l’energia positiva che questa emana. I pesci, incuriositi, vi accompagneranno nelle vostre escursioni.

Potete anche portare i bimbi, seduti davanti a voi, con l’immancabile giubbino di sicurezza. Si divertono tantissimo.

Standuppaddleboard, sup, sport, gaeta, trevaligie

Leggete anche la nostra avventura In paddleboard: alla scoperta delle sette spiagge di Gaeta

 

SE VI È PIACIUTO L’ARTICOLO VI INVITO A SEGUIRE ANCHE LA PAGINA FACEBOOK DI TREVALIGIE.COM E IL PROFILO INSTAGRAM PER RESTARE AGGIORNATI SU TUTTI I MIEI PROSSIMI ARTICOLI E SUI NOSTRI VIAGGI ON THE ROAD! 

18 commenti

  • Giovy Malfiori

    A Tenerife c’è una spiaggia (El Puertito de Adeje) piuttosto riparata dal vento. Lì c’è un sacco di gente che Paddleboarding perché è semplice partire dalla spiaggia e non ci sono le onde che caratterizzano altre spiagge. Anche nella zona di Torbole, al Garda, si pratica molto.

    • Annalisa Spinosa

      Infatti la nostra prossima tappa per il sup è proprio il Lago di Garda! Mi hai dato una bella dritta per Tenerife, grazie mille!

  • Lucy

    Ah ecco, mi sembrava proprio che fosse lo sport del momento, qua in Australia lo fanno tutti! Io però, così come non mi sono mai azzardata a fare surf, non mi azzardo nemmeno con questo… l’acqua preferisco viverla dall’ambiente sicuro di una barca o almeno un canotto 😀 (no, è non immergo mai la testa anche perché se togliessi gli occhiali non vedrei nulla, perciò vorrei evitare di cascare in acqua come un caco maturo :D). Però mi piace molto anche solo da guardare, è proprio una bella idea come sport!

    • Annalisa Spinosa

      Ma non è detto che cadi in acqua!! Basta stare in equilibrio, sembra difficile ma non lo è! Con la barca non puoi entrare nelle grotte, non vedi i pesci che ti passano accanto, non riesci ad ammirare i movimenti fruttuosi delle meduse!

  • Raffaella

    Giusto ieri mi è arrivato l’invito da una delle società di vela e sport acquatici della mia zona a provarlo. Non vi avevo dato molto peso, ma sono arrivata su questo post. Non so se sia perchè è la moda del momento e tutti ne parlando, ma io preferisco pensare che sia un “segno” e che il destino mi stia dicendo “vai, provalo anche tu, vedrai che ti divertirai”. ;-).

  • Deborah Lumachi

    Visto che è lo sport del momento, prossima settimana, visto che sono da quelle parti, proverò pure io, tanto so nuotare, anche se non so stare tanto in equilibrio, però mi consola il fatto che lo sanno fare pure i bambini. Sicuramente sarò assistita da personale molto preparato.

  • Giovy Malfiori

    Il SUP è praticato alla grande anche in molte città europee con mare o fiumi vicino. A Bristol, per esempio, lo si usa per visitare l’area del porto. Io non ci ho mai provato: cadrei in acqua in un minuto.

    • Annalisa Spinosa

      Si vero. Ovunque è possibile pagaiare con il paddleboard. Qui nelle zone portuali non è consentito, e nemmeno mi azzarderei sinceramente. Preferisco l’acqua limpida. Stiamo pensando di farci una passeggiata sulla Loira a settembre. 😉

  • francesca

    Mi piacerebbe da morire, ma ho il terrore dei pesci XD Forse ho visto troppe volte “Lo squalo” da bambina e si sa, quelli sui paddleboard sono i primi a finire tra le sue fauci! Complimenti però, è davvero uno sport che permette di godere del mare nel modo più naturale possibile

    • Annalisa Spinosa

      Pe fortuna da questa parti squali ancora non ne abbiamo avvistati. Ma delfini si. E non sai che meraviglia è guardarli saltare liberi nel loro habitat.

  • Simona

    Anche in Costiera Amalfitana quest’anno ne vedo molti! Non ho mai provato perché sono messa piuttosto male in fatto di equilibrio ma mi affascina molto vederli “scivolare” sull’acqua così facilmente!

    • Annalisa Spinosa

      E’ uno sport piacevole, impegnativo quanto basta per non essere accantonato subito. D’estate soprattutto è piacevole pagaiare in acqua, ci si abbronza in maniera divina.

  • Noemi

    Io ho imparato ad andare sulla paddle alle Isole Cook. Peccato che lì con il vento del reef non è stata esattamente una passeggiata. Ma l’emozione vissuta, soprattutto al tramonto, è stata incredibile.

  • Antonella

    E’ da tanto che guardo le persone che praticano il paddleboard e mi viene sempre più voglia di provarci. Ma davvero ci possono riuscire tutti? Io mi vedo già più in acqua che fuori…. però l’idea di essere in silenzio in mezzo al mare esplorando angoli irraggiungibili mi attira tanto tanto

    • Annalisa Spinosa

      Non è difficile come sembra, certo dipende dall’uso ch ne vuoi fare. Sul mare piatto, o sul lago, basta concentrarsi sull’equilibrio. Se l’acqua è mossa entrano in gioco più fattori, e i muscoli ovviamente vanno in tensione. Ma è troppo figo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *