Top
  >  Italia   >  Passeggiata a Pienza con i bambini. Viaggio on the road in Toscana
Pienza, città ideale della Val d'Orcia, è un delizioso borgo da girare anche i autunno e in inverno con i bambini.

La piccola e meravigliosa cittadina di Pienza è stata una delle tappe del nostro viaggio on the road in Toscana con i bambini. Un borgo carico di storia e meraviglia, in cui perdersi tra viuzze in pietra  e vicoletti dai balconcini fioriti.

Passeggiata a Pienza con i bambini

Pienza è un delizioso borgo della Val d’Orcia, facilmente raggiungibile da Siena, e vicinissimo a Montepulciano e Montalcino. Si trova letteralmente incastonato tra le romantiche colline toscane, quelle dei dipinti e delle famose cartoline. La sua strategica posizione, in cima al colle, regala ai viaggiatori panorami da mozzare il fiato su una della vallate italiane più conosciute al mondo. E’ una cittadina a misura d’uomo e di bambino, perché il centro storico è completamente chiuso al traffico, e permette quindi di passeggiare in tutta serenità. Inoltre, le palazzine in travertino rendono la passeggiata un piccolo tuffo nella storia rinascimentale.

Piazza Pio II ha una forma armonica che dona regala solennità a tutti gli edifici circostanti, costruiti in pietra di travertino.

Piazza Pio II ha una forma armonica che regala solennità a tutti gli edifici circostanti, costruiti in pietra di travertino.

Pienza nel Rinascimento. Il Palazzo Piccolomini.

Il borgo di Pienza è conosciuto come “città ideale” del Rinascimento. Cosa significa? Secondo tantissimi urbanisti del 1300 le città dovevano incarnare precisi criteri, sia filosofici che scientifici, nella loro conformazione. L’uomo era considerato il centro, intorno al quale dovevano essere realizzate strade, piazze e palazzi. Pienza è diventata città ideale grazie ai finanziamenti di Enea Piccolomini, divenuto poi papa Pio II. Il progetto, completato in soli tre anni e realizzato dall’architetto Bernardo, detto Il Rossellino, trasformò il piccolo borgo allora abbandonato a se stesso, in una città ideale, grazie alla costruzione di bellissimi palazzi e splendide strutture, come appunto la residenza papale, chiamata Palazzo Piccolomini. Proprio per questa peculiarità Pienza è stata inserita tra i patrimoni dell’umanità dell’UNESCO.

Cosa vedere a Pienza con i bambini

Una volta entrati dalla porta principale della città è facile ritrovarsi in Piazza Pio II, che è il fulcro del borgo. Qui, tra gli edifici rinascimentali che ne determinano il perimetro, spicca il Duomo di Santa Maria Assunta. Accanto, il Palazzo Comunale che in origine era la residenza dei Priori, espone sulla facciata del portico i nobili stemmi dei Podestà. Nella stessa piazza, che è un vero concentrato di architettura rinascimentale, si trova anche il palazzo Vescovile, o Palazzo Borgia. Ospita al suo interno il Museo Diocesano, dove sono ben custoditi numerosi arredi sacri, arazzi e preziose sculture.

Il Palazzo Piccolomini

Proprio accanto al Duomo, in posizione predominante su Piazza Pio II, si trova Palazzo Piccolomini. Al suo interno è possibile ammirare la mostra permanente che illustra tutta la struttura architettonica del palazzo e spiega passo passo la sua costruzione, dal progetto alla realizzazione. Vanta un meraviglioso giardino pensile, uno dei primi realizzati durante il periodo rinascimentale. Questo delizioso angolo verde ha una vista strepitosa su tutta la Val d’Orcia, e la bellissima fontana che ne abbellisce il centro è circondata da aiuole curate e perfette, un piccolo labirinto in cui perdersi nella quiete e nel silenzio. Puoi passeggiare con i bambini tra le siepi raccontando loro un pò di curiosità su Papa Pio II, e sulla sua caparbia nel ripotare a nuovo ( e perfetto) splendore un vecchio paesino abbandonato, fino a renderlo uno dei borghi più autentici d’Italia.

Dal giardino interno di palazzo Piccolomini di Pienza è possibile avere una visuale perfetta su tutta la Val D'Orcia.

Dal giardino interno di palazzo Piccolomini di Pienza è possibile avere una visuale perfetta su tutta la Val D’Orcia.

Il famoso pecorino di Pienza

Pienza è famosa anche per il suo pecorino, un formaggio che si trova in loco in diverse varianti, dal piccante allo stagionato, dal dolce al delicato. Passeggiando tra le stradine in pietra è facile imbattersi in piccoli negozietti tipici, che espongono questi profumatissimi formaggi su paglia o su botti di legno. Il formaggio di Pienza è talmente famoso, e potenzialmente necessario per il commercio, che gli abitanti del borgo hanno creato una vera e propria competizione ad esso dedicata,  che va in scena proprio in Piazza Papa Pio II, nella prima settimana di settembre. Un vero e proprio palio in cui i partecipanti, divisi in contrade, devono far rotolare la forma di pecorino il più vicino possibile ad un fuso posto al centro della piazza.

Cosa mangiare a Pienza

Ma la gastronomia di Pienza è molto vasta, e ha radici antichissime. Si basa soprattutto su prodotti autoctoni, lavorati secondo standard qualitativi davvero molto alti. Sono tantissime infatti le eccellenze del territorio, e si tratta prevalentemente di materie prime prodotte a km zero. A Pienza ti consiglio di assaggiare i pici, nelle tante varianti proposte nelle osterie locali. Con il ragù di carne sono graditissimi anche dai bambini. Meritano un assaggio anche i crostini di milza e fegatini, magari accompagnati da un bel tagliere di salumi toscani e, ovviamente, formaggi di Pienza. Un buon vino rosso locale non può che dare un ulteriore tocco tipico al tuo pranzo.

Il governo italiano ha proposto ai sardi enormi appezzamenti di terra in Toscana a prezzi vantaggiosi. Molti di loro si sono quindi trasferiti in regione con tanto di pecore, infondendo nella produzione di pecorino la loro rinomata abilità.

Il governo italiano ha proposto ai sardi enormi appezzamenti di terra in Toscana a prezzi vantaggiosi. Molti di loro si sono quindi trasferiti in regione con tanto di pecore, infondendo nella produzione di pecorino la loro rinomata abilità.

A Pienza con i bambini anche d’inverno

Passeggiando per i vicoletti di Pienza, soprattutto nel periodo autunnale o natalizio, si ha come l’impressione di essere stati catapultati in un dipinto rinascimentale. Nel suo insieme ordinato, è facile lasciarsi guidare dalla strada stessa, o farsi distrarre dalle piccole botteghe artigianali o alimentari.  Tra sapori decisi e profumi intensi, Pienza incanta ogni tipologia di viaggiatore. La sua atmosfera tipicamente toscana, fatta di verdi paesaggi e rilassanti passeggiate nella tipicità del borgo, la rendono un piccolo gioiello, e una buona tappa per gli amanti del vino e del buon cibo.

La nostra passeggiata a Pienza è stata imbiancata da improvvisi chicchi di neve, che hanno entusiasmato adulti e bambini.

La nostra passeggiata a Pienza è stata imbiancata da improvvisi chicchi di neve, che hanno entusiasmato adulti e bambini.

 

 

 

 

 

 

 

 

Ciao! Io sono Lisa, mamma on the road. Viaggiare per me è scoprire posti nuovi, girando e assaporando i profumi e le prelibatezze dei luoghi che visito. Che sia per un mese o per un week end le nostre tre valigie sono sempre pronte!

Comments:

  • Ottobre 16, 2020

    Ho avuto modo di visitare Pienza durante un tour della Val d’Orcia e ho assaggiato diversi tipi del suo famoso pecorino, davvero ottimi e particolari!

    reply...
  • Ottobre 16, 2020

    Sono stata in quella zona tempo fa e mi sono innamorata di Pienza e dei suoi dintorni per la bellezze e la semplicità della sua struttura. Un borgo medievale senza nessuna austerità, semplice da visitare e pieno di meraviglie. E poi come si mangia…

    reply...

post a comment