Top
  >  Italia   >  Gaeta, la "Perla del Tirreno"   >  Ristoranti a Gaeta. Scirocco Bistrot riapre con un nuovo menù dedicato all’inverno
Ristoranti a Gaeta. Scirocco Bistrot

Ho avuto modo di assaggiare in anteprima il nuovo menù invernale di Scirocco Bistrot, uno tra i ristoranti a Gaeta in continua ascesa. Un menù intenso, intrigante, piacevole sia allo sguardo che al palato. Piatti particolari, arricchiti da spezie deliziose che rimandano a viaggi in paesi esotici e meravigliosi, rimanendo ancorati alla tradizione locale fatta di cose semplici e prodotti genuini.

Ristoranti a Gaeta. Scirocco Bistrot rimane un’eccellenza locale.

Giorgia e Simona di Scirocco Bistrot hanno ben pensato di organizzare una cena degustazione per proporre in anteprima il nuovo menù invernale ai clienti più affezionati. Un modo, questo, di avere recensioni obiettive sui nuovi accostamenti in modo tale da poter apporre ulteriori modifiche alla selezione di piatti proposta, in base alle esigenze e alle preferenze della clientela.

Curiosità

L’idea di creare un evento ad hoc per la presentazione di un nuovo menù dedicato alla stagione invernale deriva dalla passata esperienza  lavorativa di Giorgia  nel Regno Unito. A Londra ad esempio, i ristoratori usano presentare ogni nuova proposta culinaria in un gazzettino dedicato al food. Quest’ultimo viene quindi comprato dagli esperti del settore e dagli amanti del buon cibo. In questo modo le ricette e le nuove proposte dei locali hanno modo di “girare” e di attirare persone curiose di testare in anteprima le novità.

Ristoranti a Gaeta. Il nuovo menù di Scirocco Bistrot

Già a partire dal pane Scirocco Bistrot denota la sua spiccata predisposizione alle novità e alla qualità della materia prima. Pita, focaccia e pane preparato a mano con avena e carote vengono serviti accompagnati da una particolare salsa al peperoncino.

Il nuovo menù inoltre prevede solo piatti unici, niente più suddivisioni in antipasti, primi e secondi. Un innovazione geniale, che da modo al cliente di scegliere un piatto unico da gustare, senza doversi necessariamente appesantire. Prodotti del territorio, come alici, lampuga e olive di Gaeta vengono sapientemente preparati aggiungendo un tocco speziato e piccole contaminazioni derivanti da diversi territori italiani, come la burrata pugliese o la zucca mantovana.

Rivisitazioni etniche su piatti della tradizione.

Per gli amanti dei viaggi e delle esplorazioni questo nuovo menù è davvero sorprendente. Grazie al profumo delle spezie ho intrapreso un piccolo viaggio sensoriale, stando beatamente seduta a tavola. Con il gusto piccante del peperoncino sono tornata nelle osterie portoghesi, mentre il chorizo ha evocato atmosfere spagnoleggianti, fatte di flamenco e movida. Il sentore di lime mi ha portato sulle isole Key della Florida, per tornare con l’odore dell’harissa tra i suk del Marocco. Emozioni che scaturiscono dai sensi, stuzzicati dai profumi e dai gusti intensi e raffinati degli ingredienti. 

Ristoranti a Gaeta. Scirocco Bistrot tra tradizione e innovazione

Accostamenti deliziosi di prodotti regionali, ma anche contaminazioni internazionali nel nuovo menù di Scirocco Bistrot. La baked potato di Giorgia racchiude esattamente questo inusuale accostamento di sapori provenienti da diverse parti del mondo. Impreziosita dunque da burrata pugliese, delicati broccoletti gaetani e paprika affumicata è un tripudio di sapori non convenzionale. Per non parlare del gustoso cacio palermitano, ingrediente top della bussiata con mazzancolle e pesto di paccasassi.

Piatto top per me

Sono letteralmente rimasta colpita dal tagliolino in crema di cime di rapa, con pinoli e colatura di alici di Cetara, spolverizzato da parmigiano dei poveri, ossia un trito di pane raffermo e pistacchi. Gustoso, corposo ma delicato, dal sapore non invadente che porta al palato le note finali della colatura. Per me pollice su!

Piatto di punta del nuovo menù di Scirocco Bistrot, a mio parere. è il tagliolino con crema di cime di rapa e colatura di alici.

Piatto di punta del nuovo menù di Scirocco Bistrot, a mio parere, è il tagliolino con crema di cime di rapa e colatura di alici.

Ma non finisce qui!

L’ultima portata è un piatto che unisce mare e orto. La lampuga, cotta in maniera egregia, è adagiata su un carciofo barese, dal sapore delicato, e accompagnata da patate novelle e olive di Gaeta. Chiamato anche pesce capone, la lampuga e’ una specie che vive nelle acque del Mar Mediterraneo, e si avvicina alla costa verso la fine dell’estate per deporre le uova. Viene infatti chiamato pesce settembrino.

Un piatto decisamente delicato del nuovo menù invernale di Scirocco Bistrot è la lampuga con carciofo barese e patate novelle.

Un piatto decisamente delicato del nuovo menù invernale di Scirocco Bistrot è la lampuga con carciofo barese e patate novelle.

Il dessert è un opera d’arte

La passione di Giorgia è da sempre la pasticceria. I suoi dolci sono davvero ottimi, e nel nuovo menù invernale non poteva certo far mancare un dessert da leccarsi i baffi. Un tripudio di dolcezza nel piatto. Ed ecco  a voi la mousse al mascarpone, con crumble salato,  mela cotta e profumata cannella. Profumi intensi di cannella e sapori di frutta matura, giusta croccantezza  del crumble che si contrappone alla morbida mousse di mascarpone, fanno di questo dessert una vera e propria opera d’arte culinaria. Insomma, non è semplice descrivere la bontà di questo dolce… non resta che provarlo di persona, come tutto il nuovo menù dedicato all’inverno.

Un tripudio di dolcezza la mousse al mascarpone, con crumble salato e mela cotta, profumato alla cannella.

Un tripudio di dolcezza la mousse al mascarpone, con crumble salato e mela cotta, profumato alla cannella.

Ciao! Io sono Lisa, mamma on the road. Viaggiare per me è scoprire posti nuovi, girando e assaporando i profumi e le prelibatezze dei luoghi che visito. Che sia per un mese o per un week end le nostre tre valigie sono sempre pronte!

Comments:

  • Ottobre 27, 2020

    Mi piace davvero tanto l’idea che hanno avuto di presentare il nuovo menù stagionale in una cena organizzata per i clienti più affezionati. E allo stesso modo mi piace l’idea di proporre solo piatti unici, così chi si accontenta di un solo piatto non si sente in obbligo di prendere antipasto, primo, secondo – non è il mio caso, però immagino che succeda a chi mangia meno di me 😉
    Mi ispirano molto le loro proposte ma in particolare i tagliolini con la colatura di alici!

    reply...
  • ERMINIA SANNINO

    Ottobre 28, 2020

    Sarà perché è ora di pranzo, ma mi è venuta l’acquolina in bocca! E’ il genere di cucina che potrebbe interessarmi, quasi sicuramente, se vivessi li o mi trovassi li per le vacanze, ci andrei. Inoltre, trovo molto interessante l’idea londinese. Non la conoscevo e se esistesse anche qui a Barcellona, mi appunterei a tutti i nuovi menu hahahah

    reply...
  • Ottobre 28, 2020

    Come sai mi sono innamorata follemente di Scirocco Bistrot durante Gaetavventura, e credo proprio di volerci tornare appena scendo a casa per degustare il nuovo menù! Sembra fenomenale (e il dolce ho già provato a replicarlo)

    reply...
  • Novembre 4, 2020

    L’idea del menù stagionale, come insegna il Regno Unito, fa sì che ad ogni nuova aggiunta la gente è curiosa di tornare nel locale a provare le novità.
    Riuscire poi a fondere i sapori della tradizione ad elementi più particolari o comunque poco usati nella cucina regionale, è la ciliegina che rende un ristorante unico.
    La presentazione dei piatti poi attira subito e mi ha fatto venire l’acquolina in bocca.

    reply...

post a comment