Paura di volare, grimaldi lines, traghetto barcellona, trevaligie
consigli di viaggio,  Europa on the road

Viaggiare in nave con la Grimaldi Lines: direzione Barcellona

Viaggiare in nave è necessario per chi come noi predilige gli spostamenti on the road, e quindi necessita di trasportare l’automobile da un paese all’altro.

Il nostro viaggio on the road tra Spagna e Portogallo comincia sulla Grimaldi Cruises, che parte da Civitavecchia e arriva a Barcellona dopo 20 ore di navigazione. In questo caso il viaggio in nave ci ha permesso di risparmiare circa 1550 chilometri su strada, dove comunque avremmo dovuto fare una sosta per una notte, e di abbattere un pochino i costi di benzina e autostrade. Se si parte il mercoledì inoltre,  si ha una tariffa speciale, nettamente inferiore ai restanti giorni della settimana.

 

 viaggiare in nave, viaggio on the road, viaggi con i bambini, alternativa all'aereo, trevaligie

Piccolo consiglio per viaggiare in nave con Grimaldi Cruises

La nave è ferma in porto la domenica. Partendo il lunedì non sarete quindi soggetti ai ritardi, che invece la nave accumula negli altri giorni della settimana. Il venerdì che siamo sbarcati a Barcellona ad esempio la Cruises aveva un ritardo di un paio d’ore rispetto alla tabella di marcia.

trevaligie, viaggiare in nave, alternativa all'aereo, viaggio on the road con bambini

La Grimaldi Cruise Roma

Circa 400 cabine tra interne ed esterne, 50 junior suite, con letto matrimoniale, frigobar e tv. Ovviamente si tratta sempre di cabine di un traghetto, non vi aspettate bagni enormi e letti a baldacchino. Per chi vuole una soluzione più economica, si può scegliere il passaggio ponte. Con una bambina di 5 anni abbiamo deciso di prenotare una cabina ad uso esclusivo. Avendo il televisore abbiamo potuto scaricare dei film sul cellulare prima della partenza e guardarli grazie ad un cavo HDMI. Una volta partiti dal porto non c’è più campo. Dunque rassegnatevi a stare per un giorno senza telefonino. La nave dispone di una linea wifi, ma devo dire che il costo è molto alto.

Per chi sceglie una junior suite o una owner suite c’è l’ingresso gratuito al centro benessere, e la colazione standard compresa nel prezzo, anche in cabina. Il centro benessere dispone di una vasca idromassaggio vista mare, di una sauna e un bagno turco. Ci sono anche due sale dedicate ai  massaggi e ai  trattamenti estetici. Per i patiti dell’abbronzatura c’è anche una doccia solare. Inoltre per gli amanti dello sport c’è una piccola palestra con diversi attrezzi. Ovviamente se avete intenzione di approfittare del centro benessere o della palestra portavi un cambio adeguato.

 viaggiare in nave, viaggio on the road, viaggi con i bambini, alternativa all'aereo, trevaligie

Io ad esempio, per non portare in cabina tutte le valigie preparo una piccola borsa da salire in nave per passare la notte. Metto per ogni componente della famiglia il cambio di biancheria intima, il pigiama e delle pantofole usa e getta, di quelle che si rubano negli alberghi, così poi le butto. Portiamo con noi solo questa borsa e il beauty case. Ricordatevi che una volta a bordo non potrete più scendere nei garage per accede all’automobile, quindi cercate di prendere tutto quello che vi occorre per la traversata.

Ristoranti sulla Grimaldi Cruises

Sulla Grimaldi ci sono due ristoranti: un self service, con servizio molto veloce, e un ristorante à la carte. Sul ponte all’aperto c’è un fast food a bordo piscina, e altri bar all’interno. Uno nel salone centrale e uno allo Smaila’s, dove la sera potete passare qualche ora bevendo un drink e ascoltando la musica del piano. Se come me avete problemi di intolleranze, segnalatelo al momento della prenotazione. Provvederanno ad un menù personalizzato.

trevaligie, viaggiare in nave, alternativa all'aereo, viaggio on the road con bambini

Perché viaggiare con Grimaldi Cruises

Viaggiare in Grimaldi Cruises è una buona soluzione anche per chi ha paura di volare. L’unico inconveniente potrebbe essere il mal di mare. Non sempre il mare è piatto e calmo. Soprattutto all’altezza delle bocche di Bonifacio, tra Sardegna e Corsica, le correnti si incalanano e incrementano la loro violenza. Soprattutto se è la vostra prima traversata, vi consiglio di portare con voi qualche rimedio per la chinetosi. In commercio ci sono anche  diverse soluzione non  farmacologiche. La prima volta che abbiamo portato la bambina con noi sulla nave ho portato nel beauty case i braccialetti antinausea, trovati su amazon. Questi bracciali sono privi di effetti collaterali perché non basano la loro azione sull’uso di sostanza attive, ma su di un principio meccanico, ossia la pressione che viene esercitata su di un punto del polsoPer fortuna non c’è stato bisogno di usarli, perché come noi è abituata alla vita di mare, ma prevenire si sa..è meglio che curare.

SE VI È PIACIUTO L’ARTICOLO VI INVITO A SEGUIRE ANCHE LA PAGINA FACEBOOK DI TREVALIGIE.COM E IL PROFILO INSTAGRAM PER RESTARE AGGIORNATI SU TUTTI I MIEI PROSSIMI ARTICOLI E SUI NOSTRI VIAGGI ON THE ROAD! 

 

 

 

Seguimi sui social

5 commenti

  • Sara

    Non avevo assolutamente idea che si potesse viaggiare in nave fino a Barcellona. Direi che mi hai aperto un mondo. Peccato per la giornata persa in navigazione ma poi avere la proprio auto a disposizione non ha prezzo. Il passaggio quanto costa però? Equivale a volo aereo e noleggio auto in loco oppure è più basso?

    • Annalisa Spinosa

      I prezzi variano moltissimo, in base ai giorni della settimana, e alle festività. Quindi il tariffario è in continuo aggiornamento. La giornata di viaggio è persa comunque, la passi in strada o in nave. Sulla Grimaldi per lo meno hai libertà di movimento e diverse cose da fare, invece di stare seduto in auto per venti ore. Viaggiando in nave inoltre, e risparmiando chilometri, c’è un netto abbattimento dei costi. Autostrada, benzina, albergo per la tappa di una o due notti etc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *