Valle della loira, chambord, viaggio on the road in francia, trevaligie
Europa on the road

Il castello di Chambord nella Valle della Loira. Viaggio on the road in Francia

Ruscelli, prati, vigneti, borghi ricchi di storia, e soprattutto castelli. Questa è la fatata regione della Loira.

Valle della loira, chambord, viaggio on the road in francia, trevaligie

Durante il nostro primo viaggio on the road in Francia, abbiamo deciso di fermarci nella Valle della Loira, attratti delle immense distese di verde e dal gorgoglio dell’omonimo fiume che tra queste vallate scorre lento e beato. Sarebbe opportuno esplorare ogni angolo di questa valle incantata per poter vivere  appieno tutte le sue sfaccettature, ma avendo solo una giornata a disposizione, abbiamo deciso di visitare  un solo castello, il più famoso: Chambord. Un incanto, senza ombra di dubbio. Si erge fiero tra giardini regali, con la sua imponente facciata che lascia senza fiato per la sua straordinaria bellezza. Fatto costruire da Francesco I, non è stato progettato per essere una residenza permanente, ma rimane uno degli edifici più imponenti in stile rinascimentale italiano. Partendo da un padiglione da caccia situato nel bel mezzo delle foreste di Sologne, Francesco I diede il via ai lavori del castello, ma morì poco prima che fosse terminato.

Valle della loira, chambord, viaggio on the road in francia, trevaligie

Chambord, il più imponente castello della Loira

Il Castelo di Chambord, nella Valle della Loira, è stato dichiarato Patrimonio dell’UNESCO nel 1981, e i suoi bellissimi giardini sono stati classificati come Monumenti Storici nel 1997. Le straordinarie dimensioni della facciata principale, lunga ben 128 metri, rapiscono lo sguardo del visitatore dal primo momento, avvolgendolo quasi in un abbraccio materno.

castello di chambord, valle della loira, francia on the road, trevaligie

Di proprietà dello stato francese a partire dal 1930, il Castello di Chambord racchiude al suo interno uno scalone centrale a doppia elica, opera del grande genio di Leonardo Da Vinci. Le due scale a chiocciola dello scalone ruotano nello stesso senso intorno all’asse centrale, senza mai incontrarsi.

Chambord, leonardo da vinci, on the road nella valle della loira, trevaligie

Percorrendo la scala fino all’ultimo piano  si raggiunge una splendida  terrazza, anch’essa progettata da Leonardo da Vinci.  Da qui è possibile avere una sensazionale veduta a 360° su tutti i terreni della vallata.  Dalla scala inoltre si accede, tramite quattro ingressi, agli appartamenti del castello. Le dimore sono ben quaranta, ma sono per lo più spoglie. Ora però, grazie alla realtà aumentata e all’uso di un tablet, è possibile vedere e capire come erano arredate le stanze secoli fa. 

Curiosità 

Francesco I scelse come simbolo personale la Salamandra, che simboleggia in araldica il valore militare, la resistenza ai malefici e ai nemici. La Salamandra viene spesso rappresentata associata al fuoco proprio perché, in passato, si pensava che potesse sopravvivere alle fiamme. Ebbene, questo simbolo scelto da Francesco I compare 300 volte all’interno del Castello, incisa tra le volte e sulle pareti, mentre sputa acqua o ingoia il fuoco. Il re voleva in questo modo sottolineare la sua presenza a palazzo, anche se vi tornava raramente. 

Gli interni di Chambord

Il castello è già di per sé una splendida opera d’arte, ma al suo interno custodisce grandiose collezioni di dipinti, arazzi rari e preziosi, e diversi oggetti d’arte di grande valore. Al suo interno è possibile visitare anche gli appartamenti reali e le sontuose stanze da letto dei sovrani. Merita una visita anche la cappella del Castello di Chambord e il Museo della Caccia, dove è possibile visionare  le armi usate durante le battute reali e i relativi trofei.

castello di chambord, valle della loira, viaggio on the road in francia, trevaligie

Le Domain National de Chambord

Le Domain National de Chambord è la tenuta del castello, che ricopre circa 5.440 ettari di terreno. La più grande tenuta recintata d’Europa, al momento. E’ una riserva nazionale di caccia, in cui cervi, cerbiatti e cinghiali gironzolano tra prati, pinete e boschi secolari. Per gli amanti delle escursioni è possibile anche visitare la tenuta in bici, viste le tantissime piste ciclabili, in barca o in carrozza.

valle della loira, francia on the road, trevaligie

Chambord con i bambini

Al Castello di Chambord, i bambini ricevono all’entrata un quaderno di giochi, intitolato “Cassandra la Salamandra”. Attraverso piccoli e semplici  enigmi, Cassandra guida i piccoli viaggiatori  negli antri del castello, fino ad arrivare al Museo delle Belle Arti.  Una volta arrivati alla fine del percorso, sarà dato loro un piccolo omaggio in ricordo della visita a Chambord!

castello di chambord, valle della loira, viaggio on the road in francia, trevaligie

Servizi, orari e parcheggi

  • Il castello di Chambord è aperto tutti i giorni dalle 9:00 alle 18:00.
  • Il prezzo del biglietto intero è di 11,00 euro, per il ridotto si pagano 9,00 euro. Ci sono poi diversi supplementi, dal tablet per la realtà aumentata alle visite guidate. In loco si trovano diverse opzioni per la visita.
  • Forse è fondamentale prendere l’audio guida all’ingresso  per apprenderne meglio la storia, le stanze sono tante e senza saperne i contenuti storici la visita potrebbe risultare deludente.
  • Il Parcheggio è a pagamento ma abbastanza vicino alla struttura.

Privo di ogni barriera architettonica e ben organizzato, il Castello offre ai turisti disabili e alle famiglie con passeggini la possibilità di visitare il suo interno senza stress e fatiche inutili. Il grandioso giardino, facilmente percorribile, è gratuito per tutti. Qui vi è anche  la possibilità di fittare delle barchette a motore o a remi.

Valle della loira, chambord, viaggio on the road in francia, trevaligie

Se vi è piaciuto l’articolo vi invito a seguire anche la pagina Facebook di Trevaligie.com e il profilo Instagram per restare aggiornati su tutti i miei prossimi articoli e sui nostri viaggi on the road! 

Seguimi sui social

50 commenti

  • Raffaella

    Invidiaaaaaa ! Voglio partire e andare subito a visitare questo castello. E’ magnifico. E invece mi toccherà aspettare agosto prossimo. Ho programmato un viaggio in bici tra i castelli della Loira e questo farà parte del percorso che sto studiando.

  • Valeria

    Che meraviglia!! e immagino che la regione ne sia piena! Penso che sia un on the road abbastanza “facile”, ma che lascia senza parole, me lo confermi? Potrebbe essere un prossimo viaggio. Quanto tempo consigli?

    • Annalisa Spinosa

      Solo per la Loira almeno 5/7 giorni. E’ una regione molto vasta, e i diversi castelli meritano tutti di essere visitati all’interno. Per quanto riguarda la durata del nostro road trip sulla costa, siamo stati in viaggio per quasi un mese.

    • Annalisa Spinosa

      Guarda noi eravamo davvero di passaggio e abbiamo dedicato alla Loira una giornata intera. Ma credo che non basterebbe un mese a girare fino in fono tra castelli, paesini, boschi e riserve!

    • Annalisa Spinosa

      A me non piace che vegano sfruttati così gli animali, ma posso ben capire che fare un giro in carrozza da queste parti è come fare un tuffo nel passato, tra re e regine.

  • natascia

    che meraviglia!! Sogno di andare per Castelli della Loira da molto e mi piacerebbe proprio poter portare le bici per fare qualche escursione nei parchi. Mi sai dire quante ore di auto sono da Torino o da Milano?

  • Julia

    Mi hai appena ispirato, mi piacerebbe farci un giro se avessi qualche giorno a disposizione ora mi metto a consultare il calendario scolastico dei miei figli, chi sa mai che ci scappi un weekend lungo il prossimo anno

  • Moira

    OMG che spettacolo!! E’ da quando ero bambina che sogno un OTR tra i castelli della Loira e prima o poi lo organizzerò! Per il momento leggo il tuo post con molta molta attenzione!

    • Annalisa Spinosa

      Anche la Provenza è una regione che amo molto e in cui torniamo spesso e volentieri. Ma la Loira ha un fascino particolare, quasi magico e misterioso.

    • Annalisa Spinosa

      Credo che per i bambin i sia semplicemente fantastico. le femmine si immedesimano in dame e principesse, i maschi sono attratti dalle storie di cavalieri e dalle armature. Ce n’è davvero per tuti i gusti, per non parlare delle esperienze da fare all’aperto!

  • MARTINA BRESSAN

    Già dalla prima foto di copertina il castello sembra immenso e davvero imponente.
    Io ho fatto il giro dei castelli della Loira quando ero bambina e ho un ricordo di una vacanza davvero divertente.
    Ora questo on the road nella regione della Loira tra castelli, borghi e prati verdi… e vorrei davvero tornarci da più adulta.

    • Annalisa Spinosa

      I castelli ti sembreranno senz’altro più piccoli ora! Scherzi a parte, è una zona che vale davvero la pena di visitare con molta calma.

    • Annalisa Spinosa

      Come mai? La Francia rimane uno degli stati europei da me preferiti. Natura, mare e relativo spettacolo delle maree, montagne strepitose… partire proprio dalla Loira potrebbe essere un ottima idea per sbloccarlo.

  • francesca

    La Valle della Loira è uno dei miei sogni, l’ho lasciato da parte durante il tour della Francia del Nord perché le voglio dedicare tutto il tempo che merita. Chambord è davvero spettacolare, complimenti per le foto!

    • Annalisa Spinosa

      Grazie. Hai ragione e fai bene a lasciare da parte la zona per poterle dedicare il tempo che merita. E’ una regione da vivere assolutamente in modalità slow

  • Sabrina

    Una meraviglia per gli occhi questo castello! Dall’esterno mi ha ricordato un pò quello di Chantilly, sempre in Francia. È da tantissimo tempo che vorrei visitare la regione della Loira, magari proprio attraverso un tour tra i suoi grandiosi castelli 🙂 grazie per questo tuo spunto!!

  • Silvia The Food Traveler

    È passato tantissimo tempo da quando sono stata fai castelli della Loira, e ricordo che è stato un viaggio che ti lascia senza parole. Tutta quella bellezza, tutto quello sfarzo… una favola. Di questo castello mi avevano colpita in particolare i giardini, che per qualche motivo sono sempre le cose che ricordo meglio dei castelli!

    • Annalisa Spinosa

      Vero, i giardini ti entrano nel cuore. Saranno i colori vivaci, anche in autunno, o i profumi intensi di muschi e piante aromatiche.. hanno un alone magico che ti conquista.

  • Sara

    Adoro i castelli e la Valle della Loira fa ancora parte della mia infinita wishlist. Questo castello poi è davvero sensazionale!! Spero tanto di visitarlo prima o poi. Grazie per averlo condiviso.

  • Elisa Malisan

    L’autunno sembra essere perfetto per una visita a questo maestoso castello. Sono rimasta molto affascinata dalle parti esterne, dalla riserva di caccia e dai grandi viali alberati, sembrava di sentire odore di foglie e nuvole autunnali. Se capiterò da quelle parti andrò senza dubbio a visitarlo anche io.

    • Annalisa Spinosa

      Mi fa piacere che l’articolo abbia stimolato i tuoi sensi in questo modo. L’autunno è davvero il momento migliore per girare nella Loira, soprattutto per il foliage. Un atmosfera unica.

  • Giulia

    Vigneti e castelli ci piacciono 😀 scherzi a parte, sono stata tanti anni fa nella Loira quando ero ancora adolescente e non ricordo molto, se non qualche castello tipo Chambord o Amboise. Dovrò tornarci prima o poi!

  • Irene

    Al liceo ho studiato francese, con una prof madrelingua bravissima. Oltre alla letteratura, ci ha fatto studiare tanto anche le attrazioni principali della Francia: è da allora che sogno si visitare i castelli della loira! Grazie dei suggerimenti!

    • Annalisa Spinosa

      È una regione ricca di sorprese. Oltre ai castelli, magnifici, la natura la fa da padrona. È bello perdersi nei viali alberati e nelle riserve lungo il fiume.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *