Top
  >  Italia   >  Campania   >  Feudi di San Gregorio. Visita in cantina nel cuore dell’Irpinia.

Irpinia. Intrigante terra, battuta da venti freddi e pungenti. Verdeggiante, grazie alle abbondanti piogge che si abbattono sulla zona durante tutto l’arco dell’anno. Punteggiata da piccoli borghi e rustici casali. Ricca di prosperosi terreni di origine vulcanica. Territorio da sempre favorevole alla coltivazione della vite, già conosciuto fin dai tempi dei Romani, i quali riuscivano, anche con le poche competenze di allora, a produrre vini di alto livello. Una regione d’Italia da tutelare, da promuovere, da scoprire, da sperimentare. Questo è il mood dell’azienda vinicola dei Feudi di San Gregorio, eccellenza del centro Italia, che proprio in Irpinia ha deciso di fondare il suo quartier generale.

Feudi di San Gregorio, visita in cantina, degustazione enogastronomica in Irpinia, trevaligie

La famiglia Capaldo, fondatrice dell’azienda vinicola dei Feudi di San Gregorio

Una grande”famiglia”, unita e proiettata verso il futuro, con radici ben ancorate nel passato.  Feudi di San Gregorio è il simbolo della rinascita del vitigno autoctono dell’Irpinia, ma non solo. Un azienda da sempre vocata alla cultura del bere bene, allo studio, alla sperimentazione. Continuamente alla ricerca dell’identità dei vitigni tramite l’elaborazione, l’innovazione e la degustazione, riuscendo in maniera obiettiva a preservare il meglio che la terra dell’Avellinese riesce a produrre in maniera così naturale e fiorente. Il progetto Feudi di San Gregorio nasce nel 1986 da un idea della famiglia Capaldo che, negli anni, è riuscita a portare in alto il nome dell’Irpinia, presentando nel mondo enologico prodotti di grande fattura, e riuscendo ad allargare e consolidare la famiglia grazie ad importanti investimenti in altri territori nazionali, con l’acquisizione di Cantine di grande rilevanza come Sirch, del Friuli Venezia Giulia e Basilisco, dalla Calabria.

Feudi di San Gregorio, wine tasting , Irpinia, Avellino, trevaligie

Visita alle cantine e alla bottaia

Arriviamo a Sorbo Serpico in tarda mattinata, per una visita all’azienda vinicola dei Feudi di San Gregorio. Ci accoglie un vento gelido, sferzante. Sotto di noi, intorno a noi, meravigliose vallate e colline completamente ricoperte da rigogliosi vitigni, ora ovviamente a riposo. Un paesaggio rurale di una bellezza disarmante. In questo romantico contesto sorge la cantina di Feudi di San Gregorio. Un luogo quasi magico arricchito, all’esterno, da piccoli corsi d’acqua artificiali che costeggiano un giardino ricco di spezie preziose. Un bellissimo omaggio dell’azienda alla tradizione  mediterranea, da cui attingere profumi, colori e sapori.

Feudi di San Gregorio, wine tasting , Irpinia, Avellino, trevaligie

Ci accoglie Lyllian Mele, affabile, materna, deliziosa compagna in questo profumato viaggio nei meandri delle cantine dei Feudi.  Varcare la soglia della cantina dei Feudi di San Gregorio è come entrare a far parte della grande famiglia che la gestisce. Un rapporto di parità, percepito subito, diverso da quello che si è soliti trovare in altre grandi cantine, tendenzialmente freddo e distaccato. Subito messi a nostro agio, veniamo guidati da Lyllian nelle suggestive cantine dei Feudi, seguendo l’odore forte del mosto e denso delle barrique.

Wine tasting, Irpinia, cantine dei feudi di San Gregorio, trevaligie

Visita alle cantine dei Feudi di San Gregorio

Partiamo quindi per il percorso dedicato al “ciclo dell’uva”, avendo così modo di scoprire tutte le fasi di lavorazione e affinamento dei vini attraverso l’escursione, guidati da Lyllian, che si concluderà con una degustazione guidata di tre vini dell’azienda.

Feudi studi, Pierpaolo sorci, wine tasting, trevaligie

Scendiamo nel cuore dei Feudi di San Gregorio, addentrandoci silenziosamente, in maniera rispettosa, nell’anima dell’azienda. Le cantine sono generose, ospitano centinaia di botti perfettamente allineate tra loro, etichettate scrupolosamente e costantemente controllate dagli addetti ai lavori. Lo spazio circostante, ambizioso ma minimale, ne fa un grazioso punto di incontro e di scambio di opinioni, di domande curiose e acute riflessioni.  La cantina è stata recentemente restaurata, apportando alla classica struttura in cemento note moderne, fatte di scale in ferro e balconate rosse. Un unità architettonica equilibrata, non pesante e perfettamente integrata nella vecchia cantina preesistente.

Wine tasting, Irpinia, cantine dei feudi di San Gregorio, trevaligie

I vini di Feudi San Gregorio

La cantina dei Feudi di San Gregorio è famosa principalmente per tre vini autoctoni: il Fiano di Avellino, il Greco di Tufo e il Taurasi. Ognuno di questi territori ha caratteristiche ben precise, diverse e strutturate, con terreni adatti alle coltivazioni di questi singoli vitigni. Ma non è solo la composizione del terreno a fare di queste uve vini speciali. Le diverse altitudini, le temperature basse rispetto alla stagionalità, l’esposizione e la quantità di precipitazioni influiscono sulla coltivazione di ogni singola etichetta, permettendo ad ogni vino di esprimere particolari e caratteristici sentori.

Visita nelle cantine

Le vigne dei Feudi di San Gregorio si estendono su oltre trecento ettari di terreni, ad altitudine comprese tra i 300 e i 700 metri dal livello del mare. I terreni di origine vulcanica danno all’uva un corredo genetico unico e  meraviglioso, che associati ad una cura rispettosa di tutti gli equilibri ambientali circostanti, come frutteti, boschi e uliveti, fanno di questi vini delle vere e proprie eccellenze territoriali. La cantina è stata recentemente rinnovata, coniugando perfettamente moderne tecnologie a radicata tradizione. Scendere nelle cantine è sempre un esperienza emozionante e formativa.

Feudi di San Gregorio, visita in cantina, degustazione enogastronomica in Irpinia, trevaligie

Silos d’acciaio si alternano a botti, tini e barili.  Nei locali di vinificazione inoltre si trova uno spazio dedicato alla produzione degli spumanti Dubl, spumantizzati in bottiglia con il Metodo Classico.

Feudi di San Gregorio, visita in cantina, degustazione enogastronomica in Irpinia, trevaligie

Gli spazi immensi, le file ordinate di botti, la pulizia maniacale sono un vero e proprio piacere per gli occhi, ma ne guadagna anche l’olfatto. Profumazioni uniche, che mi hanno riportato agli scenari autunnali dell’infanzia, fatti di uva raccolta in ceste di vimini e mosti fermentati nella cantina dei nonni. Bellissima l’enoteca dove, oltre a poter acquistare i vini dell’azienda, sono custodite le annate storiche di ogni etichetta. 

Enoteca dei feudi di San Gregorio, Avellino, trevaligie

Prossima tappa…degustazione di Feudi Studi

Feudi di San Gregorio però non è solo vino da grande distribuzione, anzi.  Abbiamo degustato i vini delle altre linee sperimentali, Feudi Studi, nei quali si riversa la grande dedizione di questa azienda per la valorizzazione del territorio e dei propri prodotti.  Non scendo nel dettaglio dei vini degustati perché non sono un enologa ma semplicemente un amante del buon bere,  rischierei quindi di  scrivere troppo poco o troppo e male. Ma il prossimo articolo sarà dedicato alla degustazione dei Feudi Studi, fatta con il grande agronomo e produttore friulano Pierpaolo Sirch, e al Ristorante Merennà, punta di diamante della cantina dei Feudi di San Gregorio.

Nel frattempo spero di avervi incuriosito parlando di questo territorio votato alla produzione di vini di ottima qualità ed eccellente fattura. In ogni vino dei Feudi traspare unicità, storia locale, tradizione ed ospitalità. Vini che rappresentano nella loro singolarità la parte più autentica dell’Irpinia.

 

Ciao! Io sono Lisa, mamma on the road. Viaggiare per me è scoprire posti nuovi, girando e assaporando i profumi e le prelibatezze dei luoghi che visito. Che sia per un mese o per un week end le nostre tre valigie sono sempre pronte!

Comments:

  • Marzo 6, 2020

    Lo ammetto, è la parola “cantina” abbinata alla foto dei botti allineati che mi ha incuriosita. Il bello in Italia è questo, ogni provincia offre gioelli fra vino, cibo e storia. Mi ritrovo completamente quando descrivi questa “madeleine de Proust”, con i profumi di mosti fermentati! mio nonno faceva anche lui un vino (non di grande qualità ma ritrovarsi per le vendemmia era il mio momento preferito). Irpinia sembra una bellissima zona, grazie per questa bella scoperta 🙂

    reply...
  • Marzo 8, 2020

    Io non bevo . Sono astemia. Però conosco questo vino e le loro cantine. A Napoli sono un’istituzione. Adoro vedere tutto il lavaro che c’è dietro, mi piacciono le cantine e l’odore che si sprigiona. Mio padre aveva un piccolo vigneto e noi ogni anno lo aiutavamo. Sono ricordi bellissimi e così lontani dalle tecnologie. Sono esperienze che tutti dovrebbero fare non solo per aver il contattto con la terra, ma anche per capire quai sono i sacrifici per coltivare. Grazie per la lettura Annalisa

    reply...
  • Marzo 11, 2020

    L’Irpinia è uno di quei posti che non ho mai visitato in vita mia: ci sono passata attraverso un giorno, in auto. Mi sono detta “ci devo proprio andare”.

    reply...
  • Marzo 11, 2020

    Noi siamo quasi astemie, ma adoriamo vedere aziende vinicole e processi produttivi! Grazie per questo articolo!! 🙂

    reply...
  • Marzo 12, 2020

    Essendo astemia solitamente le cantine non sono mete che inserisco nei viaggi ma non so perché mi incuriosisce sempre leggerne gli articoli. Prima o poi una devo proprio visitarla.

    reply...
  • Marzo 12, 2020

    le visite alle cantine vinicole sono davvero molto belle seconde me, soprattutto quando si va in quelle che hanno ricca storia familiare alle spalle, speriamo che questo periodo passi in fretta e si possa tornare a viaggiare con serenità

    reply...
  • Marzo 14, 2020

    Ci sono stata! Devo confermare tutto ciò che hai detto. Una zona, l’Irpinia, che è davvero affascinante e i suoi vini ne sono il fiore all’occhiello. Ho amato questa azienda, a partire dal design decisamente moderno e particolare degli esterni fino al gusto dei vini. Il mio preferito è quello con il quadrato rosso sull’etichetta, con i nomi faccio sempre confusione ma ho trovato il mio metodo per non sbagliarmi!

    reply...
  • Marzo 16, 2020

    Io non amo molto il vino, sono più da birra ma mi piace vedere come viene prodotto (ricordo mio nonno che lo faceva in casa ed io partecipavo spesso) e visitare le cantine! Piccoli gioielli del nostro paese che portano avanti produzioni eccellenti!!

    reply...
  • Marzo 17, 2020

    Mi piace molto andare in visita alle cantine – ci vorrebbe un amico astemio che mi accompagni in auto 🙂

    reply...
  • Marzo 23, 2020

    Non ho mai visitato l’Irpinia ma adoro andare per cantine. Il cibo e il vino sono simboli indiscussi delle terre che visitiamo.

    reply...
  • Marzo 24, 2020

    Oltre al progetto, mi piace che abbiano le radici del passato pur restando al passo con i tempi. Direi, inoltre, che l’Irpinia merita una visita.

    reply...
  • Marzo 31, 2020

    Non sono mai stata in una cantina e non ho mai fatto una degustazione di vini, ma mi piacerebbe davvero molto. Ci hanno regalato una box che prenoteremo quando sarà finita questa situazione assurda.

    reply...
  • Marzo 31, 2020

    Anche noi amiamo andare per cantine! Grazie per il suggerimento, lo terremo a mente appena sarà di nuovo possibile viaggiare!

    reply...
  • Aprile 2, 2020

    Negli ultimi mesi ho visitato diverse cantine nel Monferrato e in Franciacorta. Mi piacerebbe scoprire anche questa… sembra molto interessante!

    reply...
  • Aprile 13, 2020

    Mi piacerebbe moltissimo organizzare un weekend enogastronomico con visita alle cantine. Ne abbiamo in programma uno in Franciacorta, vicino a casa nostra, simile all’esperienza proposta!

    reply...
  • Aprile 24, 2020

    Mi piace tantissimo l’architettura moderna di questa cantina e poi io adoro il Fiano di Avellino. Una gita in Irpinia potrebbe essere una buona occasione per visitare la cantina e assaggiare anche i vini che non conosco, quelli di nicchia

    reply...

post a comment