la bettola del buttero, ristoranti sulla A1, trevaligie
consigli di viaggio,  Food experience

Ristoranti sulla A1. La Bettola del Buttero.

Viaggiare on the road vuol dire essere sempre su strada (e soprattutto su autostrada), per raggiungere mete e destinazioni sconosciute. Significa  alzarsi la mattina e partire, senza aver nessun posto preciso dove dirigersi e decidere solo durante il percorso  dove dormire e  dove mangiare.  Abbiamo ormai abbracciato questo modo di muoverci  da più di vent’anni, e dunque siamo pionieri in fatto di road trip.  Nel tempo, non solo abbiamo affinato il nostro stile di viaggio, soprattutto riguardo l’organizzazione, la viabilità e le comodità in auto, ma abbiamo anche sperimentato piccoli trucchi per cercare di rendere i lunghi spostamenti  meno faticosi e piatti. Abbiamo scelto innanzitutto di fermarci, lungo le strade che percorriamo, in ristoranti che servano prodotti tipici della regione in cui ci troviamo. Tutto questo  per evitare  di mangiare panini preconfezionati a costi esorbitanti, che nulla hanno a che vedere con il territorio che stiamo percorrendo.

Ristoranti sulla A1

Ecco quindi l’idea di una rubrica dove segnalare man mano i ristoranti che abbiamo visitato durante i nostri viaggi in autostrada o sulle statali, in Italia e all’estero. Tutti i locali si trovano in prossimità dei caselli autostradali, appena dopo l’uscita, in modo da non doversi incanalare nel traffico cittadino e per poter rientrare poi in autostrada in pochi minuti. Cominciamo con il più conosciuto forse, dei ristoranti che si trovano sull’Autostrada A1, ben visibile dalle corsie di scorrimento. La bettola del Buttero.

la bettola del buttero, ristoranti sulla A1, trevaligie

 Ristoranti sulla A1. La bettola del Buttero

L’hotel La Bettola del Buttero, situato di fronte all’uscita Fabro dell’Autostrada A1, è un luogo suggestivo  per fare una sosta di una notte. Ideale per ricaricarsi dopo lunghe ore di viaggio, soprattutto per chi guida per lavoro, o semplicemente per chi vuole approfittare della sosta per visitare qualche borgo nelle vicinanze.   Si possono infatti raggiungere in poco tempo località ricche di storia, arte e cultura come Orvieto, Città della Pieve, San Casciano dei Bagni, Chiusi e Chianciano. L’hotel dispone di camere matrimoniali e singole dotate di ogni comfort, e a disposizione degli ospiti c’è  l’ampio parcheggio che circonda la struttura.  Inoltre gli ospiti dell’albergo hanno uno sconto del 10% al ristorante. Meglio di così! 

Se vi è piaciuto l’articolo vi invito a seguire anche la pagina Facebook di Trevaligie.com e il nostro profilo Instagram, per restare aggiornati su tutti i miei prossimi articoli e sui nostri viaggi on the road! 

Seguimi sui social

23 commenti

  • antonella

    Ma sai quante volte ho visto l’insegna dall’autostrada e quante volte ho pensato che il posto mi ispirava’! Vedo che non mi sbagliavo, la prossima volta che passo da quelle parti mi organizzo e mi fermo ad assaggiare le tagliatelle con la curcuma. Ovviamente senza vino se guido io!

  • Virginia

    Consigli come questo sono molto utili perché spesso non si vorrebbe perdere troppo tempo in un lungo viaggio per uscire dall’autostrada e cercare un buon posto per il pranzo, ma neanche ci si vorrebbe rassegnare a mangiare in autogrill

    • Annalisa Spinosa

      Ci sono davvero tantissimo ristoranti in prossimità dei caselli. Tutti ottimi e a gestione familiare. Piano piano li velerò

  • Ellie Alessandri

    ecco. ho trovato chi finalmente capisce cosa vuol dire mangiare bene! 🙂 Senza offesa per nessuno, ma ho sempre sostenuto che i posti cosi’ sono i migliori. dove mangi bene perchè non sono turistici e spesso hai anche ottime porzioni e costi ragionevoli!

    • Annalisa Spinosa

      Esatto. Conosci la cucina tipica dei luoghi che ti ospitano, che è una parte importantissima dell’essere in viaggio, a costi contenuti e in ambienti familiari. Soldi ben spesi.

  • Deianira

    Ma è fantastica l’idea di questa rubrica! 😀 Anche noi amiamo i viaggi on the road, molto improvvisati e spesso come voi ci troviamo in viaggio su lunghi tratti autostradali. Non avevamo mai pensato però di uscire dalla rotta per gustare i piatti del territorio, senza passare dalla solita “rustichella” ;D

    Inizieremo a guardare le autostrade con occhi diversi d’ora in poi, più che altro a guardare meglio fuori dalle loro carreggiate! Quando si dice che il tragitto è parte integrante del viaggio! 😉

  • Veronica

    Sembra davvero un posticino dall’aria familiare e calorosa. E poi gli ingredienti della zona devono essere squisiti! Sicuramente on the road è importante trovare posti del genere, sulla strada che hanno anche un ottimo rapporto qualità/prezzo!

    • Annalisa Spinosa

      Esattamente. Altrimenti ci si riduce a mangiare sempre panini pessimi a costi esorbitanti. Bisogna alternare per il bene dello stomaco!

  • Giovy Malfiori

    Avevo già sentito parlare di questo ristorante e me ne avevano detto un gran bene.
    Viaggio poco oltre Firenze in auto (di solito prendo il treno) ma non si sa mai che accada. Di sicuro, mi fermerò lì.

  • Raffaella

    Tra due settimane dovrò andare da Firenze a Roma in macchina per lavoro. Dopo aver visto questo post, credo che ne approfitterò per fermarmi a provare questo ristorante. Le foto sono davvero invitanti.

  • MARTINA BRESSAN

    Mi piacciono moltissimo questi posti dove l’atmosfera è davvero genuina e semplice.
    Le Sedie e i tavoli di legno, i pavimenti in cotto antico, mattoni a vista e il fatto che si cucini la carne della regione ”a vista” nel camino in pietra davanti ai clienti, lo rende davvero un bellissimo posto.
    Me lo segno per quando andiamo da quelle parti in macchina, sono certa che piacerà molto a mio marito.

    • Annalisa Spinosa

      Mi fa piacere che la descrizione che ho fatto ti sia rimasta impressa. Era la parte che più volevo far arrivare ai lettori.

  • Lucy

    Ma sai che questa idea di parlare dei ristoranti lungo le autostrade è top? Spero ci esca una rubrica regolare! Poi questo già dalla foto degli esterni mi ha conquistata. Col il ragù di cinghiale sto iniziando a salivare molto pavlovianamente! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *