Top
  >  Italia   >  Viaggiare on the road con i bambini in Italia. Le esperienze delle Travel Blogger Italiane.
Viaggiare on the road con i bambini è più facile di quanto Si pensi. Seguendo i consigli delle Travel Blogger Italiane lo è ancora di più!

Il viaggio on the road da sempre affascina, attira, intriga. Il senso di libertà che si respira mettendosi alla guida di un’auto o di un camper, dedicandosi ad un viaggio itinerante e spesso senza tappe fisse programmate, non ha eguali. A prescindere dall’età dei viaggiatori la ritengo un’avventura da non precludersi, adatta a grandi e piccini. Tuttavia è innegabile che viaggiare in macchina possa essere faticoso per i più piccoli, ma abituare i bambini a viaggiare sin dalla più tenera età è un toccasana per loro stessi e per i genitori. Ti dimostro quanto sia bello, e più semplice del previsto, raccontandoti le esperienze di viaggio delle Travel Blogger Italiane. Prendi spunto e lasciati guidare da loro, alla scoperta dell’Italia on the road con i bambini.

Viaggiare on the road con i bambini in Italia con le Travel Blogger Italiane

In Basilicata con Anna

di Posh Backpackers

Abbiamo sempre amato i viaggi on the road e la nascita del nostro bimbo non ci ha frenato. Anzi.. l’idea di muoverci in auto è sembrata davvero la scelta più adatta.

Abbiamo portato con noi un lettino da viaggio, comodo da utilizzare nelle strutture non munite di culla, l’ovetto del trio, da utilizzare per andare in giro col passeggino e come seggiolino auto.

Organizzare un road trip con i bambini è più semplice di quanto Si pensi. L'esperienza di Anna:"Indispensabile per il nostro viaggio anche il marsupio porta bebè, super comodo per visitare gli scavi archeologici, i centri storici e per l’escursione di trekking che avevamo in programma."

Organizzare un road trip con i bambini è più semplice di quanto si pensi. Il consiglio di Anna:”Indispensabile per il nostro viaggio anche il marsupio porta bebè, super comodo per visitare gli scavi archeologici, i centri storici e per l’escursione di trekking che avevamo in programma.”

Siamo partiti dalla nostra Puglia per raggiungere con un breve tragitto la città di Melfi, prima tappa del nostro on the road di 6 giorni in Basilicata dove abbiamo alloggiato per 2 notti. Di particolare rilievo il castello che ospita l’interessantissimo Museo Archeologico Nazionale. A breve distanza da Melfi abbiamo visitato Venosa, i suoi scavi, l’Incompiuta e Ripacandida.

La terza notte ci siamo fermati nei pressi dei laghi di Monticchio in un bell’agriturismo. Particolarmente interessante per chi viaggia con i bambini il Museo di storia naturale del Vulture ospitato dall’Abbazia di San Michele Arcangelo. Bello anche il giro del lago grande, fattibile a piedi con passeggino al seguito e la possibilità di escursioni in barca e di fare pic-nic.

Trascorriamo le ultime 2 notti a Pietrapertosa, un paese incastrato tra le montagne delle Dolomiti Lucane. Di qui decidiamo di seguire il percorso di trekking che unisce Pietrapertosa al vicino paese di Castelmezzano. L’utilizzo del marsupio porta bebè è indispensabile ed il percorso è molto bello anche se a tratti abbastanza impegnativo. Impieghiamo un’ora e mezza all’andata ed altrettanto al ritorno fermandoci naturalmente per una pausa a Castelmezzano. I bello del percorso è stato potersi fermare all’ombra per allattare e fare un piccolo pic-nic.

L’ultima giornata, dopo aver risolto un imprevisto con la gomma dell’auto, facciamo tappa a Campomaggiore Vecchio un paese abbandonato prima di rientrare a casa.

In Sardegna con Raffaella

di Raf around the world

Un on the road nel sud della Sardegna con un bimbo di cinque mesi è una di quelle esperienze che rimangono impresse per sempre nei ricordi di una famiglia. Per avere successo, questo tipo di viaggio, impegnativo ma davvero emozionante, richiede un’attenta organizzazione. Il percorso, le soste, le sistemazioni e le attività da fare non devono essere lasciate al caso, ma pianificate tenendo sempre ben presenti le necessità di un piccolo viaggiatore.

La prima parte dell’itinerario di questo viaggio parte da Cagliari, passa per Villasimius nell’estremo lembo sud-orientale dell’isola e arriva a Baunei tra il blu del mare e il verde del Supramonte.
Dopo un’irrinunciabile puntatina a Cala Gonone con la celebre Grotta del Bue Marino, il percorso si trasferisce dalla parte orientale della Sardegna alla sua costa occidentale. A partire dalle magiche Dune di Piscinas, si scende lungo il litorale fino a raggiungere due isole davvero uniche: l’Isola di Sant’Antioco e l’Isola di San Pietro con le sue tonnare. Prima di chiudere il cerchio e tornare a Cagliari, è altamente consigliata una sosta sulle bellissime spiagge che circondano Chia.

Per percorrere questo itinerario con un bimbo di pochi mesi è innanzitutto necessario scegliere bene il periodo: maggio e settembre sono i mesi più adatti. Inoltre, per rendere meno faticosa l’esperienza, il consiglio è di evitare di dormire ogni sera in un luogo diverso, molto meglio scegliere dei paesi da usare come base per le diverse escursioni giornaliere in cui fermarsi più notti.

Raffaella ha fatto un bellissimo road trip in Sardegna in famiglia. Il suo consiglio:"Nel bagaglio, immancabile un abbigliamento “a cipolla” per far fronte ai repentini cambi di temperatura e al vento, compagno di viaggio sempre presente."

Raffaella ha fatto un bellissimo road trip in Sardegna in famiglia. Il suo consiglio:”Nel bagaglio, immancabile un abbigliamento “a cipolla” per far fronte ai repentini cambi di temperatura e al vento, compagno di viaggio sempre presente.”

Per il piccolo della famiglia sarebbe buona norma attrezzarsi con diversi strumenti di trasporto. In questo viaggio passeggino e marsupio sono entrambi indispensabili: il primo per le lunghe camminate, il secondo per raggiungere le spiagge più remote e per le eventuali escursioni in barca.

In Sicilia con Paola

di Family in fuga

Qualche anno fa abbiamo fatto un bellissimo on the road in Sicilia con le nostre allora bimbe di 2 e 7 anni.
Partendo dal Veneto non ci siamo sentiti di fare tutto il viaggio in macchina, anche per i pochi giorni di ferie a disposizione, per cui abbiamo volato con Easyjet da Venezia a Palermo.

Arrivati a Palermo abbiamo ritirato l’auto a noleggio prenotata on line e ci siamo diretti a Castellamare del Golfo, dove abbiamo alloggiato presso un’abitazione privata, ed è stata una bella esperienza per l’accoglienza dei proprietari e dei vicini che ci salutavano come fossimo di casa.

Viaggiare on the road con i bambini è un'esperienza gratificante, che unisce la famiglia in un momento unico di condivisione. Il consiglio di Paola: "Nei nostri viaggi con le bambine abbiamo sempre cercato il compromesso tra la nostra voglia di visitare e l'attenzione al fatto che Andrea e Ambra stessero bene e si divertissero."

Viaggiare on the road con i bambini è un’esperienza gratificante, che unisce la famiglia in un momento unico di condivisione. Il consiglio di Paola: “Nei nostri viaggi con le bambine abbiamo sempre cercato il compromesso tra la nostra voglia di visitare e l’attenzione al fatto che Andrea e Ambra stessero bene e si divertissero.”

A Palermo abbiamo noleggiato un’ape per vedere la città da un punto di vista diverso ed è stata un’esperienza divertente per tutti e 4, e visto il caldo di agosto, anche un po’ meno pesante da girare.
A Monreale non può mancare la visita del Duomo, con i suoi interni in mosaico bizantino.

La costa e il mare non hanno bisogno della mia recensione, ma quello che mi è rimasto impresso sono gli scorci della tonnara di Scopello e le sfumature del mare di San Vito lo Capo, colori al pari del Mar dei Caraibi. Super consigliata, poi, la visita al Borgo di Erice, davvero incantevole. Qui ricordo di aver mangiato il mio primo cannolo, che come si sa, non si scorda mai e, infine, la visita del tempio di Segesta.

E’ stato un viaggio davvero bello

con tanti posti incredibili da scoprire, ricco di paesaggi, storia, cultura. Un viaggio nella bontà della cucina siciliana e dell’ospitalità della sua gente. Un viaggio semplice anche con bambini a seguito. Basta tenere dei ritmi che non li stanchino eccessivamente e comprendere qualche attività particolare per loro, o lasciare qualche giorno per il relax in spiaggia, momenti che i bimbi apprezzano sempre.

 

Sei pronto per il tuo primo viaggio on the road con i bambini in Italia?

Durante un viaggio on the road i bambini sono con te 24 ore su 24.  Ti capiterà di spazientirti, o di non riuscire a gestire i capricci. Ma fa parte del gioco. Niente panico però. Affronta tutto con calma e con il sorriso. I bambini hanno bisogno di tempo per adattarsi a nuove situazioni. Se non sono abituati sin da piccoli a viaggiare in macchina poi, non puoi pretendere miracoli. Cerca di coinvolgerli il più possibile nell’esperienza, proprio come hanno fatto le Travel Blogger Italiane nei loro viaggi. Partendo da piccoli spostamenti in Italia, riuscirai poi a spostarti anche in Europa, sempre on the road, alla scoperta di luoghi meravigliosi con la tua famiglia. 

 

 

Ciao! Io sono Lisa, mamma on the road. Viaggiare per me è scoprire posti nuovi, girando e assaporando i profumi e le prelibatezze dei luoghi che visito. Che sia per un mese o per un week end le nostre tre valigie sono sempre pronte!

Annalisa@trevaligie.com

Comments:

  • Avatar
    Marzo 23, 2021

    Un’ottima idea quella di condividere esperienze di altre mamme-viaggiatrici e per motivare le altre ancora titubanti. Io non sono ancora mamma, ma mi auguro di poter fare tanti viaggi insieme amo figli un giorno!

    reply...
  • Avatar
    Marzo 23, 2021

    Viaggiare con i bambini è una esperienza fantastica che mi manca molto, visto che ormai i miei figli sono grandi e vanno in giro per i fatti loro. Ma magari prenderò spunto dal tuo articolo per qualche viaggio con le nipotine.

    reply...
  • Avatar
    Marzo 23, 2021

    Non ho bambini ma ho letto con interesse l’articolo. Avere un bimbo non deve precludere il viaggio anzi viaggiare con i bambini è un’esperienza bellissima che arricchisce tutta la famiglia basta, come fanno notare gli interventi, prestare attenzione alle loro esigenze e costruire itinerari alla loro misura. Inutile far cuocere un neonato sotto il sole di agosto, ovviamente piangerà tutto il tempo, a maggio o settembre invece sarà felice della spiaggia. Bravi i genitori viaggiatori che insegnano ai loro cuccioli a esplorare il mondo: saranno da subito persone migliori!

    reply...
  • Avatar
    Marzo 24, 2021

    Che bello leggere queste esperienze! Quando sono partita on the road con mio figlio avevo un po’ di timore, ma è andata alla grande e vedo che è una vera avventura positiva per tutti i genitori!

    reply...
  • Avatar
    Marzo 24, 2021

    Anche se non ho figli, sono convinta che viaggiare con i propri figli deve essere una bellissima esperienza e che si vedano le cose anche con i loro occhi. Trovo che questo articolo sia molto utile a tranquillizzare e a dare qualche spunto alle mamme che hanno il timore di viaggiare insieme ai propri figli.

    reply...
  • Avatar
    Marzo 25, 2021

    Con me sfondi porta aperta, io ho sempre viaggiato con mia figlia in giro per il mondo senza problemi, un arricchimento incredibile per i bambini, un pò di sacrificio per i genitori ma con una buona organizzazione del tutto fattibile e auspicabile

    reply...
  • Avatar
    Marzo 26, 2021

    Ciao carissima! Anche se non ho figli, posso lasciarti la testimonianza da figlia, che da sempre ha viaggiato con i propri genitori, sin da piccola!
    Devo essere grata, anzi di più per questa loro scelta! Mi hanno comunicato la voglia di scoprire e la curiosità di scoprire il mondo! E al tempo, non era nemmeno semplice, visto che molti accorgimenti di oggi e facilitazioni, non c’erano proprio!

    E allora: viva viaggiare con i bambini!

    Mimì

    reply...
  • Avatar
    Marzo 27, 2021

    Grazie cara Annalisa per l’ospitalità! Ho trovato davvero interessante il poter confrontarmi con altre mamme. Quando si viaggia con bambini anche un piccolo consiglio può essere utilissimo per evitare grandi drammi!

    reply...
  • Avatar
    Marzo 27, 2021

    Questo articolo mi rincuora! Non ho ancora figli ma penso sempre che, anche avendone, mi piacerebbe continuare a viaggiare on the road 🙂 Questi itinerari in Italia mi sembrano splendidi e i consigli sicuramente utili.

    reply...
  • Avatar
    Marzo 28, 2021

    Bellle esperienze di viaggio. Io ho fatto un on thw road in Puglia incinta e con un bimbo di 2 anni e mezzo e ci siamo divertiti tantissimo

    reply...
  • Avatar
    Aprile 1, 2021

    Ottime esperienze davvero! Quando avrò dei figli sicuramente li abituerò a viaggiare on the road e in questo articolo ci sono parecchi spunti interessanti adatti a tutti i genitori!

    reply...
  • Avatar
    Aprile 6, 2021

    Un viaggio on the road è sempre molto bello ma molti neo genitori sono spaventati dall’idea di farlo con i figli. Con un po’ di organizzazione invece si può fare!

    reply...

post a comment