Home » La Cappella d’Oro a Gaeta, tra arte e storia.

La Cappella d’Oro a Gaeta, tra arte e storia.

A Gaeta, nel basso Lazio, ben protetta nel quartiere medievale, c’è una chiesa incantevole, dove rimanere incantati per ore con il naso all’insù. La Cappella d’Oro, con le sue volte affrescate e le meravigliose decorazioni in oro zecchino, uniche al mondo, è un luogo ammaliante,  dove assorbire spiritualità e bellezza e rimanere estasiati dinanzi alle opere strepitose di cui l’uomo è capace. 

Cappella d’oro a Gaeta, vacanza a Gaeta, Lazio, trevaligie

Le interni della Cappelle d’Oro a Gaeta

La costruzione della Cappella D’oro a Gaeta ebbe inizio nel 1320, ma fu completata con l’attuale decorazione in oro zecchino solo nel 1531. Venne restaurata in stile barocco, e impreziosita da diversi affreschi di grande rilevanza. Diverse opere sono di Filippo Criscuolo, come Scene di vita di Gesù e Scene dell’antico testamento, affreschi che rappresentano diversi episodi sulla nascita di Gesù e sulla sua infanzia. La Cappella d’Oro ha un unica navata, coperta con una volta a botte ribassata, e il soffitto è intagliato e riccamente decorato con preziose rifiniture in oro zecchino, esaltate da una forte predominanza del blu cobalto.  Sull’altare si può ammirare in tutto il suo splendore l’Immacolata Concezione, a cui è dedicata la Cappella d’Oro di Gaeta, realizzata da Scipione Pulzone. 

E’ proprio qui, nella Cappella d’Oro, che soleva ritirarsi papa Pio IX, durante il suo forzato esilio a Gaeta. Ed è proprio tra queste mura raccolte che ebbe l’idea di proclamare il dogma dell’Immacolata Concezione.

Cosa vedere a Gaeta, la cappella d’oro, la chiesa dell’annunziata a Gaeta, trevaligie

Il portale esterno della Cappella d’Oro

La Cappella dell’Immacolata Concezione fa parte del complesso dell’Annunziata,  e si affaccia sulla strada con l’omonimo nome con un elegante portale barocco, preziosa opera di Dionisio Lazzari. Il portale è in marmo ed è affiancato da due lesene corinzie che sorreggono l’architrave che porta lo stemma di Gaeta. Al centro del timpano si apre l’unica finestra della Cappella, che dà luce all’interno. Anche la finestra è arricchita da una cornice marmorea decorativa. Alla sinistra del portale, una targa ricorda che papa Pio IX, durante il suo esilio gaetano, veniva spesso a pregare in questo luogo.

Cosa vedere a Gaeta, la cappella d’oro, la chiesa dell’annunziata a Gaeta, trevaligie

Perchè visitare la Cappella d’oro a Gaeta

A Gaeta è molto facile imbattersi in siti storici di notevole interesse artistico. La Cappella d’Oro è uno di questi. Un luogo che, a prescindere dalla religione, merita di essere visitato e vissuto nella più intima spiritualità. Solo abbandonandosi alle sue bellezze si può apprezzare nel migliore dei modi questo santuario, le grandiose opere che custodisce, e gli illustri artisti che hanno contribuito alla creazione di tanto splendore. La perfezione incantevole di questa Cappella, i suoi riverberi dorati, l’appartenenza ad un complesso monumentale unico nel suo genere e la vicinanza al mare rendono questo luogo accattivante, quasi surreale. Un luogo dove ritrovare il contatto con il “bello”, con l’arte meravigliosa dell’uomo. 

Cosa vedere a Gaeta, la cappella d’oro, la chiesa dell’annunziata a Gaeta, trevaligie

Contatti

Indirizzo: Via dell’Annunziata, Gaeta, Lazio
Numero di telefono: 0771 462255
Indirizzo internet: www.santuarioannunziata.it

Orari di apertura al pubblico
Tutti i giorni dalle ore 09.30 alle ore 12.00 e dalle ore 16.00 alle ore 20.00

Seguimi sui social

Annalisa Spinosa

20 pensieri su “La Cappella d’Oro a Gaeta, tra arte e storia.

  1. Sorprendente il contrasto fra la semplicità dell’esterno della Chiesa ed il suo interno, così riccamente decorato. Spesso mi soffermo a guardare le volte e i soffitti di palazzi e chiese: sono così curati!

  2. Qualche giorno fa sono scesa a Roma per incontrare delle persone e siamo andati verso il Frusinate. Mentre viaggiavo da quelle parti ho guardato la cartina del Lazio e ho pensato a quante zone di quella regione non conosco. Gaeta è tra di esse e spero di potermi dedicare presto a quel pezzo d’Italia.

  3. Sono zone che non conosco ma da quanto sto scoprendo, ricche di opere da visitare. Questa cappella dalla tua descrizione e dalle foto dev’essere a dir poco da togliere il fiato; soprattutto se si pensa all’esterno così modesto rispetto all’interno.

    1. Anche il colore scelto secondo me. Questo blu lapislazzuli fa risaltare davvero molto sia le figure degli affreschi che le decorazioni in oro zecchino.

    1. L’articolo ha riscosso un enorme successo! Mi fa piacere che questa meravigliosa chiesetta ti sia piaciuta! Spero di vederti presto qui a Gaeta!

    1. È nascosta in un piccolo antro del complesso dell’Annunziata. La cattedrale ovviamente ruba la scena, ma con una buona guida si possono scoprire segreti e scorci di una bellezza disarmante. Peccato che tu non abbia avuto modo di entrare.

  4. Non ne avevo mai sentito parlare. Eppure mi sembra davvero un luogo di inestimabile valore artistico e storico. A volte ci sono dei tesori ‘nascosti’ neanche tanto lontani da casa.

  5. Mi avevi già incuriosito su Instagram con le tue bellissime foto e ora sono andata a leggere il tuo articolo per saperne di più e farmi affascinare da questa Cappella. Che meraviglia. D’estate mi capita spesso di essere da quelle parti e credo proprio che quest’anno una passeggiata la farò molto volentieri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto