Ostuni, viaggio in salento con i bambini, trevaligie
Viaggiare in Italia

Ostuni, la città bianca. Viaggio on the road in Puglia con i bambini.

La Città Bianca, così chiamata  per la tradizionale usanza di imbiancare con il latte di calce le case del centro storico, si trova tra la Murgia meridionale e l’alto Salento. E’ arroccata su tre colli e sui fianchi scoscesi di questi si arrampicano le case. Nel borgo vi perderete dietro l’odore dell’olio buono, allungherete la vista sulle terrazze delle case bianche, con le loro ripide scalinate e i balconi fioriti. Camminerete per le sue stradine in un susseguirsi di piazzette e vicoli, avvolti da una splendida luce e accarezzati dal calore dei suoi abitanti.

ostuni, viaggio on the road con bambini in Salento, trevaligie

Il centro storico di Ostuni

Arriviamo ad Ostuni nel tardo pomeriggio, tappa del nostro road trip primaverile in Salento. Il suo centro storico è protetto da imponenti cinta murarie intervallate da torrioni. Erano dislocati sulle mura a scopo difensivo,  per prevenire attacchi e invasioni straniere. Le case si sviluppano su più livelli, e da lontano sembra quasi che siano ammassate le une sulle altre. Ci addentriamo nei labirinti di viuzze del borgo, incontrando chiese e monumenti di grande valore storico e architettonico. In Piazza della Libertà, fulcro del centro storico, svetta l’obelisco dedicato al santo protettore della città, Sant’Oronzo.

ostuni, viaggio on the road con bambini in Salento, trevaligie

Continuiamo ad arrampicarci, seguendo lo stesso percorso che anticamente percorrevano le carrozze trainate da asini o da cavalli, e concentrandoci sulla pavimentazione originaria della città, liscia e lucente sotto i tiepidi raggi del sole al tramonto. Con il passeggino resta abbastanza faticoso, visto il percorso tutto in salita. Ma ci si può concedere  una sosta in un atelier gastronomico, o anche in uno dei tanti negozi di souvenir arroccati lungo la strada, tra i quali ho adorato le botteghe di sandali tipici salentini.

Tra i sapori e i colori del Salento

Nella parte alta vi troverete a passare sotto l’Arco di Scoppa, un arco di congiunzione tra due palazzi antichi, e rimarrete abbagliati dalle sue meravigliose finestre , dalla sua incantevole facciata intarsiata che si riflette sulla pavimentazione lucente della strada. Tutta l’ambientazione della passeggiata sembra irreale. La calma, il silenzio, l’ordine la fanno da padroni. I locali sembrano usciti da un libro di fiabe, i negozietti  sono un esplosione di colori, souvenir e gentilezza. Diverse le enoteche che incontrerete lungo il tragitto, e non riuscirete a guardar dritto, entrerete…e tra sentori d’uva e formaggi stagionati, degusterete un Primitivo accompagnato dai taralli tipici, godendovi il sole che tramonta sul mare di Ostuni.

L’unica, grave pecca del paese sono i parcheggi, pochissimi, e molto lontani. Inoltre il percorso è un po’ impegnativo se avete bambini, sia a piedi che con il passeggino, per via delle ripide salite. Ma vale la pena fare qualche sacrificio e lasciarvi incantare da questa splendida città bianca ai confini tra sogno e realtà.

 

Cosa mangiare a Ostuni

Oltre ad assaggiare l’olio locale, colato su una bella fetta di pane morbido, vi consiglio si assaggiare le alici arracanate, ricoperte di molliche di pane e fritte per renderle croccanti. Immancabili poi, come in tutte le città della costa, i taralli per accompagnare un bel bicchiere di vino autoctono, come l’Ostuni Bianco,  le orecchiette con le cime di rapa e la crema di fave, piatto tipico della cucina salentina, preparato con fave prodotte solo nella zona di Ostuni.

 

Dove dormire in Salento

Per la sua posizione ottimale, abbiamo scelto Savelletri com base per visitare il Salento. Da li sono raggiungibili diverse città, come Monopoli, Polignano a mare e lo Zoo di Fasano, da visitare assolutamente con i bambini. Per il nostro soggiorno su questo incantevole tratto di costa abbiamo scelto Borgo Egnazia, un hotel davvero delizioso sotto ogni punto di vista. La sua caratteristica struttura, creata proprio per riprendere gli antichi borghi pugliesi, è stata una piacevole scoperta e una meravigliosa esperienza da vivere con la famiglia.

Borgo Egnazia, hotel, puglia. viaggio con bambini, trevaligie

 

Se vi è piaciuto l’articolo vi invito a seguire anche la pagina Facebook di Trevaligie.com e il profilo Instagram per restare aggiornati su tutti i miei prossimi articoli e sui nostri viaggi on the road! 

49 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *