Montefalco. Umbria, Viaggio con bambini, trevaligie
Viaggiare in Italia

Montefalco: on the road con i bambini tra le colline dell’Umbria

Una strada contornata da uliveti centenari, che si inerpica su per la collina. Il sole che si posa sulle foglie d’ulivo creando dei riflessi argentati. Fiori primaverili fanno capolino dall’erba dei vigneti, peschi e  mandorli ravvivano lo scenario con i loro boccioli  dai colori tenui.  Bianco e rosa si alternano, dando un tocco romantico al paesaggio campestre.

Montefalco, Umbria, viaggio on the road con bambini, trevaligie
Foto di Silvia Vinciguerra

Nelle campagne di Montefalco ci accolgono i primi segni dell’arrivo della bella stagione. Proseguiamo in auto questa strada paesaggistica, fino alle mura della città. Ci troviamo nella “ringhiera dell’Umbria“, così chiamata per i suoi diversi punti panoramici, che permettono di avere una visuale a 360° sulle vallate sottostanti. L’aria è ancora fresca e soffia una leggera brezza che ci scorta per tutta la passeggiata.Montefalco, Umbria, viaggio on the road con bambini, trevaligie

La porta di Sant’Agostino è l’accesso principale alla Città. All’interno, l’antico stradone, tutto in salita, è costeggiato da vinerie deliziose e diversi negozi di filati.

L’artigianato locale 

Montefalco, Umbria, artigianato, viaggio con bambini, trevaligieSono proprio i filati e le tessiture il cardine dell’artigianato locale umbro, in particolare  di Montefalco. Si possono trovare prodotti di straordinaria bellezza realizzati con antiche tecniche tramandate di generazione in generazione. Bellissime tovaglie, pregiati tendaggi, lenzuola o asciugamani meravigliosamente lavorati. Proprio lungo questa strada  si trova il rivenditore esclusivo dei prodotti della Tessitura Pardi, l’eccellenza in fatto di tessuti di qualità made in Umbria

Montefalco, Umbria, On the road con bambini, trevaligie
Foto di Silvia Vinciguerra

La chiesa di Sant’Agostino a Montefalco

Montefalco, Umbria, viaggio on the road con bambini, trevaligieAll’improvviso, tra una macelleria e un enoteca, spunta la chiesa di Sant’Agostino. La sua facciata è semplice e discreta, in stile gotico. Costruita nel 1275, a cura dei frati agostinianiani, ha una grande navata interna sostenuta da diverse strutture lignee,  e meravigliosi affreschi, risalenti agli inizi del XV secolo,  che ne arricchiscono le pareti.

Montefalco, umbria, on the road con bambini, trevaligie
Foto di Silvia Vinciguerra

La navata minore comprende una serie di cappelle, deliziosamente affrescate,  e in una nicchia sono conservati i resti del Presepio di Giovanni di Corraduccio.

Il belvedere

Montefalco, Umbria, viaggio on the road con bambini, trevaligie
Foto di Silvia Vinciguerra

La salita è ancora ripida, e lo sguardo si perde sui balconi fioriti, sui tetti baciati dai raggi dell’ultimo sole, sulle facciate in pietra viva, sulle  scale di legno scuro che si arrampicano sui piani alti dei palazzi.

Ogni tanto una panchina ricavata da vecchie botti ci permette di riposare e di ammirare le  lanterne che adornano le vecchie mura e ascoltare il canto gli  uccelli  al riparo sotto  le  grondaie.Montefalco, Umbria, viaggio on the road con bambini, trevaligie

Una  volta  in  cima  il  panorama  ripaga  di  ogni  passo  fatto.  La vallata si estende ampia al di sotto della città, uliveti e vigne si susseguono a perdita d’occhio.  Montefalco infatti è famosa anche per il suo Sagrantino, un vino autoctono che rispecchia i profumi e i sapori più veri di questa collina umbra.

Il vitigno Sagrantino è coltivato solo sui  poggi  attorno a Montefalco e Bevagna. Un vino millenario che, grazie alla passione e al lavoro quotidiano dei produttori montefalchesi, è diventato un’eccellenza assoluta, capace di rappresentare l’Umbria e l’Italia nel mondo e ad ottenere  la DOCG.

Curiosità

Pare che fù l’Imperatore Federico II di Svezia a cambiare il nome a questo borgo, essendosi accorto del grande numero di falchi che si aggiravano nei paraggi durante le sue visite.  Alla  città quindi, già denominata Coccorone, fù dato il nome Montefalco. 

Dove mangiare

Montefalco, Umbria, viaggio on the road con bambini, trevaligieSiete nella zona del Sagrantino e del cibo buono. Difficilmente mangerete male. Anche nelle enoteche offrono taglieri di salumi e formaggi di ottima qualità. Noi siamo riusciti a prenotare un tavolo alla Via di Mezzo, l’osteria del famoso chef di Sky Gambero Rosso, Giorgio Barchiesi, alias Giorgione orto e cucina. Ristorante a conduzione familiare, accogliente, casereccio, con un buon rapporto qualità prezzo. 

Bambini e animali

Non ci sono molte cose da fare con i bambini nel centro storico di Montefalco, se non passeggiare per negozi e fermarsi per qualche minuto al parco giochi del paese, piccolo ma ben attrezzato. Gli animali sono ben accetti ovunque nei locali.

Se vi è piaciuto l’articolo vi invito a seguire anche la pagina Facebook di Trevaligie.com e il nostro profilo Instagram, per restare aggiornati su tutti i miei prossimi articoli e sui nostri viaggi on the road! 

61 commenti

  • Claudia

    Una passeggiata tranquilla con i bambini che ti porta alla scoperta di angoli poco conosciuti della nostra bella Italia e se ci puoi aggiungere un pranzo stellato e un buon vino direi che è stata una giornata perfetta! Interessante la curiosità sull’origine del nome Montefalco che non conoscevo!

  • Ylenia Pravisani

    L’Umbria è una regione che amo, sono stata in vacanza per due anni di file perché ne sono rimasta letteralmente affascinata. Montefalco e la zona limitrofa è davvero bella, sia per i panorami che per i gusti e i profumi che si vivono. Mi hai fatto tornare in mente proprio quei giorni 🙂

  • Valentina

    Bellissima Montefalco! L’ho visitata tanti anni fa, ma mi piacerebbe moltissimo tornarci. L’Umbria è una regione splendida, che racchiude tantissimi tesori, tipo questo! 🙂 E la primavera è la stagione perfetta per andare alla scoperta!

  • Michela

    Sono stata in Umbria lo scorso anno e mi è piaciuta molto questa regione ! Purtroppo nel mio giro non ho avuto il piacere di vedere Montefalco..peccato! Adoro questi Borghi così caratteristici

  • Cristiana

    L’Umbria è una regione che mi affascina molto e i borghi come questo ne sono la ragione. Qualche settimana fa, sono stata ad Orvieto ed è stata veramente una bella gita! Non conoscevo Montefalco, ma ha suscitato in me una grande curiosità!

  • Carola

    Conosco Montefalco solo di nome, ma l’Umbria è una regione che mi attrae molto. Per la natura, il buon mangiare i paesaggi, la genuinità dei luoghi e delle persone. E poi, W il Sagrantino!😊

  • MyClaurette

    Bellissima l’Umbria e molto ben fatto il post che riesce a essere esaustivo perché suddiviso in paragrafetti che tolgono ogni dubbio. Anche io ho una bimba, quindi lo terrò in gran considerazione 🙂

  • Elisa

    Ciao Annalisa, molto interessante questo articolo, non conoscevo Montefalco! La chiesa di Sant’Agostino mi ha colpita particolarmente, mi ricorda una piccola chiesetta di campagna che c’è non lontano da dove abito in Friuli.
    Complimenti anche per le foto che hai pubblicato, le trovo davvero belle 🙂

    • Annalisa Spinosa

      Ti ringrazio. Le foto sono della mia cara amica e compagna di viaggio, Silvia. Alcune di mio marito. Sono contenta che ti siano piaciute.

  • Rita Tirelli

    Il tuo articolo mi ha restituito il senso di calma, la brezza, l’atmosfera incantata di questo borgo dell’Umbria. Le foto sono bellissime ed accurate e mi hanno riportato alla memoria un viaggio ormai lontanissimo da quelle parti. Dovrò portare il mio bambino a scoprire questa regione!!!

    • Annalisa Spinosa

      Sono contenta che il mio articolo abbia suscitato emozioni positive. Spero che tu possa portare presto il tuo bimbo a respirare aria campestre!

  • anna di

    L’Umbria è una delle regioni italiane che meno conosco, ma quel poco che ho visto mi è piaciuto veramente tanto. Devo segnarmi Montefalco, sembra davvero un paesino di altri tempi. grazie per avermelo fatto scoprire

  • Veronica | Lost Wanderer

    Sono stata un paio di volte in Umbria ma mai nei pressi di Montefalco, di cui non conoscevo quasi nulla e la curiosità sul nome mi ha sorpresa; decisamente una scelta migliore.
    Sembra una cittadina piena di storia e, se mai capiterò di nuovo da quelle parti, andrò anche io a dare un’occhiata.

  • Lucy

    Non credo di essere mai stata a Montefalco, anche se ho girato parecchio l’Umbria con i miei quando ero giovane giovane. Quei punti con visuale a 360° sono stupendi! Il paesaggio mi ricorda quello abruzzese, che ho frequentato più recentemente causa amiche locali. Stessi alberi, stesse pietre… il centro Italia è meraviglioso!

    • Annalisa Spinosa

      E’ la stessa considerazione che abbiamo fatto noi. Affacciandoci da un lato abbiamo visto paesaggi simil-toscani, dall’altro molto abruzzesi. Si nota l’incontro tra più regioni.

  • MARTINA BRESSAN

    Bellissimo articolo. E’ sempre molto interessante scoprire questi borghi, poi ho letto con molto interesse anche la curiosità che della nascita del nome di questa città dai tempi di Federico II. Conosco poco l’Umbria, ed è bello conoscerla attraverso questi articoli.

  • Eleonora

    Sono stata a Montefalco un po’ di anni fa e ricordo che era stato veramente piacevole passegiare per le sue stradine!
    Certo comunque… direi che è una fortuna che Federico II abbia deciso di cambiare nome al paese! 😛

  • Simona

    Una giornata meravigliosa! Panorami, buon cibo, e una città che si fa davvero amare. Non conosco molto bene l’Umbria ma spero di tornare presto per poterla vivere di più. Seguirò sicuramente i tuoi consigli!

  • Flavia Rossi

    ho dei bellissimi ricordi di alcune vacanze in Umbria, tra borghi stupendi e campagne con panorami da lasciare a bocca aperta! grazie dei suggerimenti. Chissà che non ci torni a breve con le bimbe

    • Annalisa Spinosa

      Ai bambini fa benissimo l’aria pulita dell’Umbria. E poi ci sono tante cose da fare , a partire dalle cascate delle Marmore.

  • sofia

    Montefalco è un bellissimo paese, ho avuto modo di vederlo qualche anno fa, già in sedia a rotelle. Un po’ di salita ogni tanto, ma per certi panorami vale la pena comunque

    • Annalisa Spinosa

      beh non deve essere stato semplice. La salita è molto ripida. Ma è anche vero che poi, come giustamente hai detto, il panorama ripaga di ogni sforzo, e il vino pure!

  • Valeria Pompil

    L’Umbria è spesso sottovalutata, a torto. Questa zona poi è davvero bella, così come le sue specialità enogastronomiche. Poi amo i paesini arroccati sulle colline e il panorama che si gode da lassù!

  • Alessandra

    Siamo stati a Montefalco per un ns anniversario di qualche anno fa in giro per l’Umbria. É un borgo piccolo, ma incantevole e tenuto molto bene. Grazie

  • Barbara

    Sono stata in Umbria ma sempre in estate. Ricordo bene gli enormi prati di girasole che non riuscivo a smettere di fotografare 🙂
    Mi è piaciuta molto la tua descrizione del paesaggio umbro in primavera. La prossima volta che organizzerò un giro da quelle parti lo farò ad aprile e passerò da Montefalco!

  • Julia

    È splendido percorrere una strada tra i colori primaverili e ammirando le fioriture. Già queste zone sono belle in qualsiasi periodo dell’anno ma così ancora di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *