Top
  >  Italia   >  Norcia. Cosa vedere nella città di San Benedetto
Norcia, cosa vedere nella terra di San Benedetto

Norcia è una delle città più intriganti dell’Umbria ed è famosa soprattutto per aver dato i natali a San Benedetto, fondatore dell’ordine dei frati benedettini. Nonostante il devastante terremoto del 2016, di cui ancora si vedono le tracce e i crolli, Norcia continua ad accogliere i turisti offrendo esperienze di soggiorno entusiasmanti. La città infatti non solo esibisce monumenti storici di grande rilievo ma dispone di numerose attività da praticare immersi nella natura  della Valnerina. Menzione a parte va alla gastronomia locale che vanta prodotti tipici di alta qualità, come il tartufo nero e le lenticchie di Castelluccio. Scopriamo insieme cosa vedere a Norcia durante un viaggio on the road in Umbria.

Norcia. Cosa vedere nel centro storico

Norcia si trova immersa nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini, in provincia di Perugia. In origine il suo nome era Nursia, dall’etrusco Northia, nome appartenente alla dea della fortuna. Nell’ottobre del 2016, in seguito al fortissimo sisma che ha spazzato via interi paesi nella zona, il centro storico di Norcia e i suoi dintorni sono stati purtroppo gravemente danneggiati.

Norcia, cosa vedere durante un viaggio in Umbria.

Norcia è circondata da antiche mura sulle quali si aprono in 7 porte, che in passato erano le entrate dei 7 piccoli quartieri in cui era suddiviso il borgo.

Nonostante le impalcature e le zone rosse ancora inaccessibili la popolazione ha reso la città e soprattutto il centro storico in grado di poter accogliere turisti, riaprendo ove possibile le attività e le strutture ricettive.

La Piazza di San Benedetto

Le cicatrici del terremoto come già detto sono ancora da rimarginare. Nonostante ciò il centro storico di Norcia rimane affascinante come sempre e la sua bellezza si concentra proprio in Piazza San Benedetto. L’arte, la storia e la cultura della città pulsano in questa piazza dedicata al santo patrono, protettore del borgo e dei suoi abitanti.  Gli edifici in stile rinascimentale conservano tutto il fascino del passato che rappresentano. In particolare qui trova sede la Castellina, una residenza fortificata edificata nel 1500 per diventare residenza stabile dei prefetti pontifici ad oggi divenuta sede del Museo Civico e Diocesano. 

Norcia, cosa vedere durante un viaggio in Umbria.

In centro storico di Norcia è ancora in fase di riordino. Numerose sono le impalcature che sorreggono gli edifici crollati durante il terremoto del 2016. Ma questo non rende il centro storico meno bello.

In Piazza San Benedetto rimangono da vedere  anche i resti della basilica a lui intitolata, della quale è rimasta visibile solo la spettacolare facciata e parte del campanile. Una leggenda narra che questa basilica sia stata edificata proprio sui resti della casa natia del santo, ben visibili nella cripta dell’edificio.

Norcia. Cosa vedere tra i monumenti più importanti

Tra le cose da vedere a Norcia spiccano la Chiesa di Sant’Agostino, in stile gotico, e la Concattedrale di Santa Maria Argentea che ospita dipinti di pittori fiamminghi e un trittico murario del XVI secolo. Altro monumento di grande interesse storico e artistico è il Tempietto, un antica edicola in pietra rimasta miracolosamente intatta nonostante i numerosi terremoti che si sono susseguiti in questa zona. Sulle facciate sono ben visibili meravigliose decorazioni scultoree in stile longobardo con motivi geometrici e simbolici.

Il Criptoportico. Cosa vedere a Norcia

Passeggiando nel centro storico non è difficile incontrare la Porta Ascolana, nelle vicinanze della quale si trova il Criptoportico di Norcia. Al suo interno è conservata la più grande collezione di reperti archeologici della zona risalenti addirittura al IX secolo a.C. Nel periodo romano il Criptoportico era usato per il passaggio dei carri e delle merci e per via della sua funzione di servizio non è stato particolarmente progettato con materiali nobili. Colpisce però per le sue dimensioni e per la bellezza della sua architettura.

Cosa vedere e cosa fare a Norcia e nei dintorni

Dopo aver camminato per le vie del centro storico di Norcia puoi cimentarti in adrenaliniche avventure a contatto con la natura meravigliosa della Valnerina. Sono tantissime le attività outdoor da poter fare in zona con infinite possibilità di divertimento. Puoi scegliere di passeggiare a cavallo tra i sentieri incontaminati dei Monti Sibillini oppure puoi optare per i percorsi da fare in mountain bike con i bambini.

Rafting in Umbria sul fiume Corno con i bambini

Il rafting sul fiume Corno è una delle tante attività da fare vicino Norcia. Una discesa sulle sua acque cristalline è davvero un’avventura meravigliosa da fare con tutta la famiglia.

Se sei amante del brivido puoi lanciarti in volo con il parapendio o con il deltaplano oppure discendere le rapide del fiume Corno con il gommone da rafting. In inverno invece puoi dedicarti ad ogni genere di sport da fare sulla neve, come sci e ciaspolate.  Insomma da queste parti non puoi certo annoiarti. 

 

Cosa mangiare a Norcia. La gastronomia locale
Dopo aver fatto sport non ti resta che riprendere energia assaggiando i prodotti tipici della zona. Norcia vanta una tradizione enogastronomica fatta di sapori antichi, unici e genuini. I salumi sono la vera specialità di questi territori e la professione del “norcino” è legata alla città da tempi immemori. Il prosciutto crudo, i salami e “cojoni di mulo” sono le specialità più apprezzate ed esportate in ogni parte del mondo.

Il tartufo nero

Il re indiscusso della gastronomia nursina rimane il tartufo nero, intorno al quale ruota l’economia e la cucina tipica. Dalla vicina Castelluccio poi arrivano le preziose lenticchie, piccole e saporite, che oltre a deliziare il palato ogni anno incantano migliaia di visitatori con la loro spettacolare fioritura.

La birra Nursia

Da qualche anno è possibile anche degustare l’ottima birra artigianale Nursia, prodotta dalla congregazione dei monaci benedettini di Norcia. Un’impresa che produce circa milleduecento litri di birra al mese riuscendo ad esportarla anche negli States. La birra Nursia accompagna in maniera gradevole i piatti tipici della cucina locale e il ricavato finanzia le attività del monastero che aiuta pellegrini e le persone disagiate della zona. Una parte dei guadagni invece è destinata alla costruzione di un nuovo monastero anti-sismico fuori le mura.

Perchè fermarsi a Norcia durante un viaggio on the road in Umbria

Insomma Norcia propone una variegata offerta turistica fatta di storia, cultura ed intrattenimento. E’ una delle mete più apprezzate della Valnerina e accontenta davvero ogni tipologia di viaggiatore. Dalle numerose attività da praticare all’aria aperta alle innumerevoli fonti storiche del borgo Norcia incanta e coinvolge sia il viaggiatore solitario che le famiglie in cerca di avventura. Una tappa immancabile dell’Umbria dove ritrovare la giusta misura tra sport e relax per una vacanza all’insegna dell’italianità più verace. 

Ciao! Io sono Lisa, mamma on the road. Viaggiare per me è scoprire posti nuovi, girando e assaporando i profumi e le prelibatezze dei luoghi che visito. Che sia per un mese o per un week end le nostre tre valigie sono sempre pronte!

Annalisa@trevaligie.com

Comments:

  • Agosto 20, 2021

    Ho girato l’Umbria in lungo e in largo, e quella che mi manca sempre è Norcia. Più che il borgo in se, quello che vorrei vedere sono i dintorni, come dici tu i Monti Sibillini ad esempio. Poi la gastronomia non fa testo, io amo il tartufo e lo metterei ovunque!

    reply...
  • Agosto 23, 2021

    Non sono mai stata a Norcia, ma sembra un bel borgo. Certo deve fare uno strano effetto vederla dopo il terremoto. Io ricordo quando andai a L’Aquila e molti edifici sono ancora in fase di ricostruzione e altri lasciati così…credo che in ogni caso sia un luogo da visitare, sia per il borgo che per la sua gastronomia.

    reply...
  • Agosto 23, 2021

    Un borgo da visitare assolutamente,non solo per la sua bellezza, ma anche per contribuire direttamente o indirettamente al suo rilancio post terremoto!

    reply...
  • Agosto 27, 2021

    L’Umbria doveva essere la meta delle nostre vacanze italiane per quest’anno; poi però, per tutta una serie di motivi, abbiamo stravolto i nostri programmi. Un pò me ne dispiace perchè ci sono tanti bellissimi posti da vedere, come per esempio norcia. Ma spero di rimediare al più presto!

    reply...
  • Agosto 28, 2021

    Appeno sento la parola “Norcia” penso subito alla norcineria, una tradizione culinaria che abbraccia non solo questo luogo ma che qui sicuramente ha radici. Non sono mai stata in queste zone e di sicuro mi piacerebbe scoprirle sia con gli occhi che con il palato!

    reply...
  • Agosto 31, 2021

    Di Norcia mi sono innamorata una sera d’autunno, l’atmosfera della Piazza del Duomo era incantevole. Fa male al cuore vedere che ancora le ferite del terremoto sono così evidenti in una città meravigliosa e assolutamente mistica come solo in Umbria può accadere. Mi incuriosisce molto la birra… da provare!

    reply...
  • Settembre 9, 2021

    Siamo stati in Umbia qualche anno fa, ma non abbiamo avuto l’occasione di visitare Norcia. E’ interessantissima, per me, l’informazione su questa birra artigianale che proprio non conoscevo. Spero di avere l’occasione di provarla presto.

    reply...

post a comment