Top
  >  Europa   >  Viaggiare on the road in Portogallo: consigli utili

Perché  organizzare un viaggio on the road in Portogallo?? Tre sono i motivi principali ci hanno spinto a stilare un primo itinerario per girare questa nazione  con la nostra auto. 

  1. Il clima mite anche agli inizi d’autunno. Soprattutto nel sud, sulle coste dell’Algarve, è sempre caldo e soleggiato. Ovviamente è soggetto alle correnti oceaniche, e la sera può fare freschetto.
  2. E’ uno dei paesi europei più economici.
  3. Non ci sono solo città storiche da visitare, ma anche luoghi selvaggi e meravigliosi, che vanno visti almeno una volta nella vita.

Il Portogallo ha spazi sconfinati, spesso non raggiunti dai mezzi pubblici. Viaggiare con l’auto rimane uno dei modi migliori per riuscire a vedere in totale autonomia e con le proprie tempistiche le mete che si sono selezionate. Detta così potrebbe sembrare un avventura stressante e molto impegnativa, invece i paesaggi e le città che si incontrano strada facendo sono talmente pazzeschi che riescono ad entusiasmare anche i bambini, spesso restii ai lunghi spostamenti in auto.

Cascais, Estoril, casinò di estoril, portogallo on the road, trevaligie

Estoril

Raggiungere il Portogallo in auto dall’Italia

Abbiamo deciso di tagliare giusto qualche chilometro (1,500!) prendendo la nave Grimaldi Lines da Civitavecchia, per arrivare a Barcellona navigando di notte.  Una volta sbarcati abbiamo fatto poco più di tre ore di guida  per fare una tappa a Biarritz, nei paesi baschi.  Dopo il relax francese abbiamo fatto un unico giorno di viaggio verso Cascais, passando sulla E-80. Abbiamo praticamente percorso quasi 900 chilometri nel deserto spagnolo e portoghese. Le autostrade sono simili a quelle italiane, anche nei pagamenti. Pochissime le zone di sosta.

Preparare una lista di mete da vedere on the road in Portogallo

Nel nostro primo viaggio on the road in Portogallo, ci siamo concentrati su Lisbona e sulla zona circostante. Avendo solo dieci giorni a disposizione era necessario valutare bene cosa vedere e cosa no. Siamo partiti come sempre dall’Italia in macchina, sbarcando a Barcellona dopo un giorno di navigazione. Ecco il nostro primo itinerario.

  • Civitavecchia- Barcellona in nave Grimaldi
  • Barcellona- Biarritz
  • Biarritz – Cascais
  • Cascais -Estoril
  • Estoril _ Lisbona
  • Lisbona – Sintra
  • Cascais – Peniche, Cabo da Roca
  • Cascais – Granada
  • Granada –  Valencia
  • Valencia – Barcellona
  • Barcellona – Civitavecchia

Il nostro secondo viaggio on the road in Portogallo invece si è concentrato solo sulla regione dell’Algarve, evitando giri turistici nelle città ma esplorando tutto il tratto di costa da Albufeira fino a Capo de Sao Vicente, includendo anche l’Andalusia. 

Viaggio on the road in portogallo, come organizzare un road trip, trevaligie

Peniche, le scogliere

Consigli utili per viaggiare on the road in Portogallo 

Non ci sono indicazioni particolari per guidare in Portogallo. Vigono le stesse regole della comunità europea. Per i non residenti il nuovo codice della strada prevede il pagamento immediato delle multe. Lo stesso vale per le strutture sanitarie. I cittadini stranieri in vacanza possono accedere alle cure mediche necessarie previste dall’assistenza locale, se possessori della Tessera Sanitaria. Non ci sono inoltre vaccini obbligatori da fare. Portate sempre con voi un adattatore per la corrente. Per quanto riguarda la ristorazione, troverete spesso già pronti sui tavoli dei locali degli aperitivi di benvenuto:  pane, olive, formaggio cremoso e  patè.   Non è gratuito come in Italia. Se non desiderate l’addebito di questi stuzzichini , chiedete  al cameriere di ritirare il tutto, e non avrete sorprese sullo scontrino.

Sintra, palacio do pena, Lisbona, viaggio on the road in Portogallo, trevaligie

Sintra, Palacio do Pena

Attenzione all’Algarve

Se il vostro itinerario di viaggio comprende la regione dell’Algarve, dovete tener conto che l’autostrada A22 è a pedaggio. Ma attenzione: non incontrerete nessun casello lungo il percorso perchè il pagamento viene effettuato tramite sensori posizionati in prossimità delle uscite più importanti. Per evitare multe basta fermarsi in un qualunque ufficio postale della zona con il libretto dell’automobile e registrare la targa. L’importo del pedaggio viene scalato automaticamente dalla carta di credito. La registrazione va fatta possibilmente entro 24 ore dal primo transito in autostrada.

Viaggio on the road in portogallo, come organizzare un road trip, trevaligie

Peniche

Gastronomia portoghese

Non potete lasciare queste zone senza aver assaggiato le specialità gastronomiche locali. Non fatevi mancare il bacalau, in tutte le sue varianti, dalle polpette al baccalà alla bras,  fritto con patate e uova. Gustosissimo invece il bacalhau com natas,  a base di baccalà, patate, cipolla e besciamella arricchita con panna. La caldeirada, invece, molto più ricca e gustosa, è preparata con  pesce spada o rombo, con vongole e calamari,  pomodori, cipolle, peperoni e patate. Da accompagnare con  una bottiglia ghiacciata  di Vinho Verde (Vino bianco). Non andate via dal Portogallo senza assaggiare la Cataplana: de marisco, con crostacei e molluschi, de Amejoas, fatta con le vongole, o di Tamboril, con coda di rospo. E’ il piatto tipico per eccellenza.

Perchè fare un viaggio on the road in Portogallo

Per la bellezza paesaggistica il Portogallo è una delle nazione europee più belle e intriganti da visitare on the road. Arte, storia, cultura e gastronomia si fondono per regalare all’avventore emozioni uniche, che rimangono nella mente ma soprattutto nel cuore. Il Portogallo intriga e stupisce, e rapisce a tal punto i sensi che non si può lasciarlo senza pensare di ritornarci. I tramonti portoghesi poi, accompagnati da vinho verde e da colori strepitosi, fanno innamorare anche gli animi più restii. Che sia per un viaggio con la famiglia, per una coppia in fuga romantica, per un gruppo di amici in cerca di avventura, il Portogallo è sempre un ottima scelta.

Ciao! Io sono Lisa, mamma on the road. Viaggiare per me è scoprire posti nuovi, girando e assaporando i profumi e le prelibatezze dei luoghi che visito. Che sia per un mese o per un week end le nostre tre valigie sono sempre pronte!

Comments:

  • Giugno 2, 2020

    Adoriamo gli on the road, è il modo di esplorare il mondo più consono a noi e con mio marito e mio figlio di 5 anni ne abbiamo fatti tanti (anche se non sembrano mai abbastanza). Questo viaggio in Portogallo è intrigante! Io adoro Lisbona, mi piacerebbe tornare ed esplorare i suoi dintorni, quindi il primo itinerario farebbe assolutamente al caso nostro, ma devo ammettere che anche i paesaggi dell’Algarve mi incuriosiscono. Ho bisogno di rivedere l’oceano e, perché no, bearmi della cucina locale. Il baccalà che ho mangiato a Lisbona resterà per sempre nei miei ricordi😉

    reply...
  • Giugno 2, 2020

    Mi piacerebbe tantissimo questo on the road! Ottima anche l’idea di aggiungere Biarritz tra le tappe perché sogno di vederla da tempo. Io partirei con un vantaggio chilometrico rispetto a te, perché dal Piemonte forse sarei un po’ più vicina.
    Chissà, magari nei prossimi mesi se riuscirò ad avere le ferie anche se ho dei dubbi. Comunque se riesco a organizzare ti chiederò sicuramente dei consigli!

    reply...
  • Giugno 3, 2020

    E’ un Paese dove ho lasciato il mio cuore e dove tornerei sempre. Effettivamente la prossima volta, lo visiterei in auto proprio per darci quell’autonomia e libertà di decidere quanto stare in un posto ecc. Bellissimo itinerario e bravi per aver macinato tanti km!!

    reply...
  • Giugno 6, 2020

    Il Portogallo è in assoluto uno dei miei paesi preferiti nel mondo e credo che un on the road sia il modo perfetto per esplorarlo in tutta la sua bellezza 🙂

    reply...
  • Giugno 9, 2020

    Bellissimo viaggio ed ottimi consigli! Non conoscevo questa piccola particolarità del pedaggio in Algarve — avrei preso una decina di multe, prima di capirne il funzionamento 😂😊

    reply...
  • Giugno 10, 2020

    Tra tutte amo Sintra e la sua pasticceria (penso sempre al cibo I know). Mi piacciono tutti quei palazzi colorati, il castello dei Mori con tutte le mura di cinta di contorno,…potrei andare all’infinito. Poi Lisbona, beh amore puro.

    reply...
  • Giugno 14, 2020

    Questa cosa del pedaggio non la sapevo proprio! Che strano però, si deve per forza pagare in un secondo momento, su questo posso dire che il nostro Telepass non lo batte nessuno!

    reply...
  • Giugno 16, 2020

    Avevo giusto pensato a un road trip in Portogallo questa estate, ma in auto da qui ho visto che ci vogliono circa 24 ore di viaggio.. Quindi forse conviene seguire il tuo suggerimento di partire da Civitavecchia 😀

    reply...
  • Giugno 17, 2020

    Desidero fare un on the road in Portogallo da anni e ho trovato molte informazioni utili. Mi piacerebbe sicuramente fare la zona dell’Algarve perciò sicuramente terrò conto dei tuoi preziosi consigli non appena lo programmo!

    reply...
  • Giugno 17, 2020

    Adoro il Portogallo, lo trovo un paese cosi autentico! Non ho mai fatto un road trip ma é nei miei piani futuri!

    reply...
  • Giugno 25, 2020

    Quest’anno avrei voluto proprio fare un bel tour in Portogallo. Le info che fornisci in questo post sono utili: le terrò da conto per il prossimo anno.

    reply...
  • Luglio 14, 2020

    Adoro il Portogallo e sto proprio valutando di visitarlo di nuovo ma questa volta in auto. Grazie per le informazioni utili sui pedaggi che hai dato, almeno non si beccano sorprese 😉

    reply...
  • Luglio 17, 2020

    Sono d’accordo con te, il Portogallo è perfetto da visitare on the road ed era una delle possibili mete per il 2020, grazie per le info sui pedaggi!

    reply...
  • Luglio 21, 2020

    Un on the road in Portogallo è tra i miei sogni nel cassetto; sono stata a Lisbona per un week end lungo e mi sono innamorata di questo paese; adesso vediamo come evolve la pandemia, poi magari organizzerò qualcosa!

    reply...
  • Luglio 24, 2020

    Vaya chilometri che macinate!!! Penso anche io che il modo migliore per visitare il Portogallo, soprattutto l’Algarve. L’unica cosa che non mi è chiara è se avete fatto lo stesso percorso anche nel secondo viaggio. Da Barcellona a Biarritz sono decisamente più di 3 ore di auto!

    reply...
  • Settembre 25, 2020

    Ciao Annalisa, molto interessante questo tuo post. Sono stata in Algarve già due volte (una regione meravigliosa), ma avendo partecipato a dei viaggi in pullman organizzati non mi ero informata bene riguardo ai pedaggi e quindi non sapevo che l’autostrada nel sud del Portogallo fosse a pagamento – buono a sapersi!.

    Sai che a cavallo tra giugno e luglio avevo programmato un on the road di 8 giorni proprio in Portogallo: sarei tornata in Algarve e avrei poi finalmente visitato Lisbona e i dintorni. Avrei raggiunto il Paese in aereo e avrei poi noleggiato un’auto. Il tuo itinerario – partendo in auto dall’Italia e prendendo il traghetto per giungere in Spagna mi piace molto – ma per me lo vedrei “stancante”. Grazie comunque dei tuoi consigli. Spero di riuscire a fare questo viaggio l’anno prossimo 🙂

    reply...
  • Ottobre 13, 2020

    Ciao Annalisa, molto bello il tuo articolo, l’anno scorso sono stata in Algarve e l’ho amato tantissimo, davvero. Abbiamo fatto un road trip che ci ha portato da Faro a Portimao fino all’estremo Cavo de Sai Vicente. Bhe che dire…le falesie sono stupende, mi sono rimaste nel cuore, il colore del mare è fantastico, buon cibo, clima secco e ventilato, cosa volere di più?Peccato tornarsene a casa!

    reply...
  • Ottobre 13, 2020

    Con questo viaggio mi hai fatto venire in mente degli splendidi ricordi! Anche io ho fatto un viaggio simile in camper in Portogallo tantissimi anni fa e ho dei ricordi splendidi. Grazie per avermeli fatti rivivere attraverso i tuoi racconti 😊

    reply...
  • Novembre 25, 2020

    Sono stata in Portogallo qualche anno fa, muovendomi per circa tre settimane nella parte centro-settentrionale del paese in treno. Da quel momento ho sempre pensato di tornare e di girare il sud e le isole, in macchina però perché lì da quanto ho capito è più difficile spostarsi con i mezzi pubblici. Ecco, a gennaio avrei un volo proprio per andare in Algarve, preso con un voucher. Non so se alla fine potrò andarci, ma… Senz’altro, quando sarà possibile partire, mi tornerà utile ciò che hai scritto riguardo alle autostrada in Algarve! Non sapevo che non ci fossero caselli e che bisogna pagare negli uffici postali!

    reply...

post a comment